Steveland Judkins Morris, conosciuto meglio come Stevie Wonder, nacque a Saginaw, Michigan, nel 1950. Nonostante fosse cieco dalla nascita, imparò sin da molto piccolo a suonare e sviluppò un grande interesse per la musica. A soli nove anni sapeva già suonare il piano, l’armonica e la batteria

Icona della lotta per i diritti dei neri americani, della Pace e della solidarietà per l’Africa, un modello per la comunità Black. Fu premiato svariate volte per l’impegno nell’aiutare i meno fortunati e durante la sua carriera si ispirò varie volte a delle canzoni di protesta di Bob Dylan, come “Mr. Tambourine Man” e “A Place In The Sun”.

Riuscì a creare un genere musicale nuovo per l’epoca che nasceva dall’incontro tra le melodie della tradizione africana e gli idiomi e le strutture di quella occidentale, la Black music.

Copertina del film “La Signora in Rosso”

Tra le sue canzoni più famose ricordiamo “I Just Called To Say I Love You”, canzone dell’album The Woman In Red, da cui è tratto l’omonimo film “La Signora in Rosso”, di cui brano è la colonna sonora.

Grande artista e grande persona, Stevie Wonder, dopo più di quarant’anni di carriera, compie 70 anni.

Articolo precedenteDiego Lazzari, lo youtuber in piena ascesa
Articolo successivoCarlos Sainz è il nuovo pilota della Ferrari
Mariavittoria Soardo
Sono una studentessa al secondo anno di liceo classico alle Stimate, mi chiamo Mariavittoria e abito nella provincia di Verona. Sono una persona solare e cerco sempre il lato positivo delle cose, mi piace contagiare gli altri con l’entusiasmo e vedere in loro la serenità che provo a trasmettere. Nel tempo libero mi piace disegnare, ascoltare musica di vari generi e trovare sempre nuovi passatempi, ma più di tutto mi piace dormire. Pratico uno sport a livello agonistico tre volte a settimana e partecipo a diversi corsi extrascolastici. Il fine settimana (oltre a dormire molto) cerco di “staccare la spina” dalla frenesia di tutti i giorni e mi distraggo uscendo con gli amici e guardando serie tv. Non ho un’idea precisa su un eventuale professione dopo gli studi, ma ciò a cui aspiro è trovare un lavoro che mi piaccia e, soprattutto, che mi permetta di viaggiare il più possibile. Mi piacerebbe molto fare l’esperienza di studio all’estero durante il liceo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here