Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Negli ultimi anni sono stati molti gli imprenditori che hanno provato a buttarsi nel campo della sostenibilità, alcuni hanno avuto successo altri hanno fallito.

Nel 2016 il CEO di Tesla Elon Musk affermò di voler costruire 100 Gigafactory, dichiarando che dopo averlo fatto l’intero mondo sarà in grado di ricevere energia elettrica in modo sostenibile.

Elon Musk

Ma cos’è una Gigafactory? Sono fabbriche enormi, la prima si estende per circa 1200 ettari, producono batterie alimentate a energia solare, non a caso l’intera struttura è ricoperta di pannelli solari.

Musk ha annunciato che durante la bonifica di un bosco per costruire una Gigafactory ha messo in salvo tutte le specie presenti riadattandole in un altro ambiente.

Attualmente sono quattro le Gigafactory già costruite o in costruzione: la Gigafactory1 si trova in Nevada, a Storey County, la Gigafactory2 si trova a New York, a Buffalo, la Gigafactory3 si trova in Cina, a Shanghai e la Gigafactory4, che è attualmente in costruzione, sorgerà in Germania, a Berlino.

Per concludere possiamo dire che Elon Musk è un uomo che parla di più con i fatti che con lingua

Gigafactory in costruzione in Nevada
Articolo precedenteAurora Boreale o Fenice?
Articolo successivoBridgerton, il segreto del successo
Enrico Biban
Fin da piccolo sono residente a San Giovanni Lupatoto, in provincia di Verona. Sono nato all’ospedale di Borgo Trento il 30 gennaio 2005. La mia grande passione è sempre stata la boxe, la pratico da un sacco di anni. Pur essendo molto giovane sono già diventato un agonista e il mio mio più grande sogno è vincere tutto in questo sport, non per i soldi o per la fama, ma perché mi piacerebbe farmi un nome, un nome dietro il quale c’è fatica, sudore, sangue. Frequento il liceo classico perché mi piacciono le materie umanistiche, e sinceramente odio la matematica, non sono mai stato in grado di affrontarla. Ho un fratello che si chiama Pietro, con lui vado molto d’accordo. Insieme abbiamo vari business che condividiamo, perché entrambi desideriamo l’indipendenza dai nostri genitori. Ci piacerebbe trasferirci all’estero per concentrarci sui business, e per farli crescere il meglio possibile.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here