Tempo di lettura articolo: 3 minuti

La settimana scorsa sul sito di “arXiv”, un servizio di distribuzione gratuito e archivio ad accesso aperto, contenente più di due milioni di articoli accademici riguardanti fisica, matematica e statistica, è stata resa pubblica la notizia di un ritrovamento speciale, non tanto per ciò che è stato rinvenuto ma per gli strumenti innovativi utilizzati nella ricerca.

Infatti, il 5 aprile 2021, un gruppo di ricercatori australiani della Curtin University, grazie all’uso di droni e di un algoritmo, ha trovato un meteorite caduto in Australia occidentale, dopo averlo “inseguito” per quattro giorni in seguito al primo avvistamento in Australia orientale, grazie all’impiego del “DFN”.

Che cos’è il DNF?

Il Desert Fireball Network è una rete australiana di telecamere, utilizzate per seguire il movimento dei meteoroidi che entrano nell’atmosfera terrestre e per poterli poi rintracciare dopo la loro caduta sulla Terra.

Grazie al ritrovamento di un meteorite fin dal primo giorno di funzionamento, il progetto, nato nel 2007, è cresciuto velocemente e si è espanso fino a diventare un osservatorio digitale automatizzato di palle di fuoco.

Attualmente è formato da 50 telecamere, sparse per tutta l’Australia, che monitorano un’area di circa due milioni di kmq.

Una delle postazioni del DFN

Come è avvenuto il ritrovamento?

Il meteorite è stato trovato, come citato in precedenza, grazie a due osservatori del DFN: il primo, locato a Mundrabilla, ha osservato il meteorite per 149 km, mentre il secondo, presso O’Malley, per 471 km.

La traiettoria della cometa è iniziata a 87 km di altitudine con una velocità di discesa di 25,4 km/s ed è stata osservata fino a 25 km dal suolo, dove ha rallentato ad una velocità di 8,4 km/s.

Dopo aver confrontato i dati dei due osservatori, il gruppo di ricercatori è riuscito a mappare un’area di circa 5 kmq, in cui poteva essere caduto il meteorite.

Sarebbe stato impossibile setacciare tutta quella zona palmo a palmo con dei volontari e così i ricercatori hanno deciso di perlustrare la superficie tramite l’utilizzo di droni e di un algoritmo, che separava l’area di ricerca in “piastrelle” quadrate di 125 x 125 pixels, con 70 pixel sovrapposti in ogni direzione, in modo che il meteorite avesse la possibilità di apparire completamente in almeno una piastrella.

Foto del meteorite

Ogni foto dei vari quadratini, ottenuta con una fotocamera montata sui droni, è stata successivamente immessa in un classificatore di immagini binarie sfruttando software come Python e Keras, che davano un punteggio ad ogni piastrella, variabile da 0 (il meteorite non è presente) a 1 (il meteorite è presente).

Dopo l’analisi, i ricercatori sono riusciti ad individuare il meteorite ad appena 50 metri di distanza rispetto alla traiettoria di caduta più probabile, il che è un fatto considerevole poiché i resti del meteorite ammontavano a solo 70 g.

Grazie all’utilizzo dei droni e di questo algoritmo, è stato possibile compiere un passo avanti nel mondo della ricerca scientifica, dimostrando ancora una volta come la tecnologia, se utilizzata saggiamente, permetta di espandere i nostri orizzonti.

Se lo sviluppo tecnologico ha aiutato il team di ricercatori nel ritrovamento del meteorite, anche la fortuna ha svolto un ruolo cruciale, facendo cadere il meteorite nel deserto e non in una giungla fitta di alberi!

Articolo precedenteConsacrazione di Papa Francesco al Cuore Immacolato di Maria
Articolo successivo30 marzo: Giornata mondiale del bipolarismo
Ho quindici anni e vivo a Verona. Se non mi trovate chiuso in casa a leggere manga o libri fantasy, cercatemi al mare o al lago, anzi, in qualsiasi luogo in cui si possa nuotare. Fin da piccolo, sono sempre stato affascinato dal paesaggio sottomarino e dalla sua tranquillità, dai colori accesi dei pesci e dalle stelle marine. Questa mia passione si riflette negli sport che pratico da anni: apnea, per poter ammirare i pesci senza bisogno di attrezzature; subacquea, per raggiungere i luoghi in cui il mio respiro non riesce a portarmi; barca a vela e kayak, per quando ho voglia di osservare l’acqua da un punto di vista differente. Da grande mi piacerebbe diventare un biologo marino, per unire due miei grandi amori: quello per il mare e quello per la scienza. Ho un sogno nel cassetto: riuscire a visitare il Giappone. Sono attratto dalla cultura giapponese per il forte contrasto tra antico e moderno, tra tradizioni millenarie e avanguardia tecnologica. Vorrei immergermi nei bellissimi paesaggi naturali del monte Fuji o perdermi nella vita frenetica di quartieri come Shibuya; imparare la scrittura kanji, che riesce a far sembrare un semplice testo un’opera d’arte, e sperimentare la cucina nipponica, così diversa da quella italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here