L’arte fotografica di Doisneau arriva a Verona

Gli scatti del noto fotografo francese Robert Doisneau esposte al Palazzo della Gran Guardia fino al 14 febbraio

0
L'assessora alla Cultura Ugolini in visione del percorso espositivo - Robert Doisneau - mostra a Verona
L'assessora alla Cultura Ugolini in visione del percorso espositivo - Robert Doisneau - mostra a Verona
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Sono oltre cento gli scatti in bianco e nero del celebre fotografo Robert Doisneau in esposizione al Palazzo della Gran Guardia di Verona dal 15 novembre al 14 febbraio 2024. La mostra, a cui ha fatto visita anche l’assessora alla Cultura del Comune di Verona Marta Ugolini, si propone di far conoscere l’artista francese, nato nel 1912 e morto nel 1994. Lo fa attraverso una selezione di immagini che rendono l’idea del suo sguardo curioso sul mondo attraverso l’obiettivo della macchina fotografica.

È stato lo stesso Doisneau a spiegare l’intento del suo lavoro: «Quello che cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere.». Il fotografo è divenuto famoso soprattutto grazie allo scatto realizzato nel 1950 per la rivista americana Life: un ragazzo e una ragazza che si baciano davanti al Municipio di Parigi. Si tratta di una delle immagini più note e riprodotte nella storia della fotografia.

Oltre a questa, ha però lasciato in eredità quasi 450mila negativi. Nel corso della sua vita ha lavorato per il giornalismo (oltre a Life, anche i periodici Vogue e Le Point) e per la pubblicità, in particolare per l’industria automobilistica. Amico del poeta Jacques Prévert, nel 1949 ha prodotto con il noto scrittore Blaise Cendrars un libro sull’esistenza nelle periferie parigine intitolato “La Banlieu de Paris”.

Le fotografie di Doisneau sono commoventi testimonianze storiche di una vita quotidiana che è ormai cambiata, ma anche di un periodo della fotografia che non conosceva il digitale e dove quindi si lavorava ancora con i rullini da sviluppare nella camera oscura. La bellezza del bianco e nero, che accentua il contrasto tra spazi luminosi e zone d’ombra, rende queste stampe ancora più affascinanti.

Previous articleCalcutta: da Lignano a Villafranca col nuovo tour
Next articleTorna la Marcia del Giocattolo
Ginevra Fanini
Mi chiamo Ginevra Fanini e sono nata all’alba del 9 gennaio 2009 sotto il segno del Capricorno. Mi considero solare, energica, divertente, determinata e ambiziosa, anche se nel mio carattere non mancano a volte la testardaggine e l’impazienza. Scrivere, che reputo il mezzo più efficace per esprimere me stessa, mi affascina. Per questo ho deciso di affrontare, dopo le scuole medie sempre alle Stimate, gli studi classici. Ho diverse idee per il mio futuro e questo percorso mi tiene aperte molte opportunità e mi offre certamente un solido bagaglio culturale in grado di agevolarle. Perciò sto frequentando con dedizione e impegno la quinta ginnasio, accorgendomi che ogni giorno mi arricchisco di nuove conoscenze. Mi piace essere sempre in movimento. Approfitto del tempo libero dallo studio per curare i miei molteplici interessi tra i quali i viaggi, leggere, il cinema, stare insieme alle persone a cui voglio bene e al mio cane Peter, cantare, suonare e ascoltare la musica. Mi applico con entusiasmo agli allenamenti di atletica, anche se la mia più grande passione è il basket, che ho praticato per qualche anno e che ora seguo alla tv. La mia squadra del cuore sono i Los Angeles Lakers e il mio giocatore preferito in assoluto è LeBron James.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here