Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Si è svolta ieri, a Parigi, la ventesima puntata della manifestazione che ha portato ad un imponente schieramento di forze dell’ordine.

La conferma del divieto di manifestare sugli Champs-Elysees ha innescato contrasti e violenza, provocando per la seconda settimana di fila forti contrasti. Da ricordare che gli Champs-Elysees erano stati devastati dai manifestanti durante il diciottesimo atto di protesta.

Scontri, come si temeva, a Bordeaux e ad Avignone, due agenti feriti a Montpellier. 

Con il corteo parigino, concluso tra la Gare de l’Est a Trocadero e la Tour Eiffel, le forze dell’ordine non hanno riscontrato gravi incidenti. Sono state trentadue le persone fermate e 11.000 i controlli prima del corteo.

In provincia, invece, sono stati numerosi gli incidenti. A Bordeaux, il sindaco aveva annunciato l’operazione “città morta”, secondo cui i negozi sarebbero stati chiusi e i cittadini invitati a restare a casa. Nel corso della manifestazione, numerosi black bloc e casseur, hanno cercato di entrare nelle zone vietate, in seguito ad un cambiamento di un tratto del percorso, e si sono scontrati con la polizia, provocando il danneggiamento di un’agenzia di banca e incendiando le barricate della polizia.

Scontri anche a Nizza, dove trecento persone si sono riunite per manifestare per Genevieve Legay, militante urtata da un poliziotto la settimana scorsa durante lo sgombero della place Garibaldi, vietata ai manifestanti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here