Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Dal 26 gennaio scorso l’America è sotto shock per la morte, a quarantun anni, della star dell’NBA Kobe Bryant, ma della figlia Gianna Maria- Onore di soli tredici anni e delle altre tre vittime a bordo dell’elicottero precipitato.

Bryant e la figlia si stavano dirigendo verso il centro sportivo di proprietà di Kobe: “Mamba Academy” situato nei pressi di Thousand Oaks. Lo schianto sembra essere avvenuto a Calabasas, durante il mattino del 26 gennaio, in seguito ad un probabile guasto del velivolo, il quale sembra aver preso fuoco e poi precipitato. 

Una vera e propria tragedia per il mondo del basket e dello sport mondiale, da due giorni in lutto.

Gianna e Kobe Bryant


Articolo precedenteLa storia di Castel d’Azzano… in digitale
Articolo successivoIl sirtaki sbarca alla Stimate
Vivo a Negrar, in provincia di Verona. Frequento il liceo classico alle Stimate e scegliendo questo indirizzo mi sono resa conto del vivo interesse e la curiosità che provo nei confronti delle materie umanistiche, trovo che siano a dir poco affascinanti ed inaspettatamente legate a quella che è la modernità. Le materie che prediligo sono filosofia, storia ed epica, tanto che nel tempo libero cerco di leggere più libri possibili in riferimento a queste discipline. Pratico pattinaggio sul ghiaccio e coloro che mi conoscono sanno la passione e l’impegno che impiego per questo sport, da cui indubbiamente ho ottenuto tante soddisfazioni. Riguardo al mio futuro, mi piacerebbe svolgere un lavoro che mi renda orgogliosa e che vada a premiare tutti gli sforzi fatti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here