Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Lo scorso 2 febbraio 2020 è stata una data particolare. Non accadeva da tantissimi anni, infatti, che si verificasse un giorno palindromo (dal greco πάλιν “di nuovo” e δρóμος “percorso”, col significato “che può essere percorso in entrambi i sensi”: 02022020), l’ultima volta che accadde l’11 novembre del 1111.

Il gioco dei palindromi, si sviluppa probabilmente nel III secolo a.C., ed è il gioco più antico del mondo, ad opera del poeta  greco Sotade, vissuto ad Alessandria d’Egitto. Consisteva nel cercare di creare frasi, parole di senso compiuto o numeri che si potessero leggere nello stesso modo in entrambe le direzioni (da destra verso sinistra e viceversa). Noto ad esempio “Amori di Roma”, oppure “i due feudi” o “i bar arabi” ecc.

Nella forma italiana, questo tipo di ricorrenza è abbastanza frequente, ricordiamo lo scorso 1 febbraio 2010 e il prossimo 12 febbraio 2021. Ma per esempio nella forma anglosassone, dove si scrive prima mese, poi giorno e poi anno, le date palindrome sono rarissime, e il 02022020 è una delle poche. In 10.000 anni i giorni palindromi sono in tutto 366. Negli anni bisestili solo 108.

Nelle scorse settimane, prima della data del 2 febbraio, sul web era nato interesse grazie anche all’hashtag #Palindromeday che ha permesso una condivisione dell’argomento su scala mondiale.

Articolo precedenteIl futuro è tinto d’azzuro per Grassl
Articolo successivoCoronavirus: aggiornamenti in tempo reale
Ho 15 anni, sono nata il 1 Aprile 2004. Il mio segno zodiacale è l’Ariete, infatti ho un carattere molto impulsivo e testardo. So essere però anche una persona altruista e generosa, mi piace molto stare in compagnia delle persone a me care. Sono figlia unica, e questa cosa non mi è mai piaciuta più di tanto perché ho sempre desiderato poter avere un fratello o una sorella, con il quale condividere tutto e divertirmi; ammetto però che essere figlia unica ha anche i suoi pregi. Sono una ragazza molto sportiva: gioco a tennis, anche se ho praticato per molti anni pattinaggio artistico.Inoltre, uno dei miei hobby preferiti, oltre alla lettura, è ascoltare la musica, anche se non ho un genere preferito. Ho scelto il liceo classico perché le materie umanistiche mi hanno sempre colpito di più rispetto a quelle scientifiche, e le lingue antiche mi hanno sempre affascinata. Da grande mi piacerebbe molto lavorare nel mondo della psicologia, ma chissà dove mi porterà il cuore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here