Due giorni fa, la notte del 18 febbraio, è stata svitata, smontata dal basamento e trafugata la panchina rossa simboleggiante la lotta contro il femminicidio, posizionata in via Allori dai giardini del Quartiere 5 di Firenze. Oggi, 20 febbraio, ha stupito tutti il gesto da parte dei colpevoli di rimontarla nel suo esatto posto, con un biglietto di sentite scuse di pentimento.

Ecco cosa dice il foglio messaggero: “Scusate per l’accaduto, non eravamo a conoscenza del significato così importante. Sappiamo che averla riportata indietro non basterà a scusare il gesto indegno che abbiamo fatto“.

Segue un acronimo, probabilmente le iniziali: O.G.D.T.

L’assessore al decoro del Comune di Firenze, Alessia Bettini ieri aveva definito il furto notturno “un atto inaccettabile: abbiamo denunciato il furto alle forze dell’ordine e provvederemo a sostituire la panchina il prima possibile” facendo anche un “appello ai cittadini a collaborare segnalando eventuali elementi che possano far risalire agli autori del furto”. 

Oggi ha scritto su Facebook: “Che gioia oggi dopo lo sdegno di ieri. Nella notte hanno riportato la panchina rossa al suo posto in via Allori. #Denunciare serve sempre: indignatevi per le cose che non vanno. Cambiare si può

Articolo precedenteLaureata in quarantena
Articolo successivoButtati duemila euro nel water
Anna Piovesan
Abito a San Bonifacio, in provincia di Verona. Sono una persona molto curiosa e solare, mi piace leggere e praticare sport e le mie passioni sono tutte le materie di tipo tecnico-scientifico. Amo viaggiare e fare attività manuali, come ad esempio il bricolage, con mio padre. Ho scelto il liceo classico perché allora pensavo che rispecchiasse ciò che mi piaceva e il mio modo di vedere il mondo. In questi ultimi anni sono molto cambiata; la mia materia preferita è scienze, seguita da matematica. Adoro studiare materie come fisica, astronomia e tutto l'ambito tecnico e tecnologico. Dopo il liceo ho intenzione di iscrivermi alla facoltà universitaria di ingegneria aerospaziale, o comunque in questo ambito, e frequentare tutti i corsi in lingua inglese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here