Tempo di lettura articolo: 4 minuti

I libri erano, fino al secolo scorso, la fonte più prossima ed economica da cui attingere informazioni. Per fare ricerche, arricchire il proprio bagaglio culturale o semplicemente per passare il tempo, si ricorreva ai libri e alle biblioteche, dove si trascorrevano interi pomeriggi in cerca di ciò che serviva. 

Con l’avvento della tecnologia moderna, dei computer, degli smartphone e delle tv, i motori di ricerca hanno preso il posto, fino ad allora di dominio esclusivo, dei libri. 

Giornata mondiale del libro

In occasione della giornata mondiale del libro, che si è tenuta lo scorso 23 aprile, abbiamo pensato di fare un confronto e tirare le somme di quelle che sono le abitudini della popolazione italiana rispetto all’ambito della lettura. 

Una giornata a tema per ricordare l’importanza dei libri, che sono il mezzo più potente nella diffusione della conoscenza e il mezzo più efficace per preservare la memoria. 

Il 23 aprile rappresenta una data simbolica; è infatti il giorno in cui numerosi celebri poeti morirono, tra cui William Shakespeare, Miguel de Cervantes, Inca Garcilaso de la Vega. 

Nel 1995, con la conferenza Generale dell’UNESCO, è stata stabilita una data per commemorare gli autori e i libri di tutto il giorno e incentivare la popolazione alla lettura. Oltre 100 Paesi di tutto il mondo hanno aderito alla giornata, promuovendo iniziative a sostegno del tema. In Italia, Mondadori ha inaugurato Il maggio dei libri, la campagna nazionale di valorizzazione della lettura come elemento di crescita personale e collettiva. 

In tutte le librerie Mondadori sono stati attuati degli sconti o dei “pacchetti offerta” con alcuni titoli selezionati in base ad autore, numero di vendite, Paesi di distribuzione o best sellers. 

L’analisi ISTAT

Secondo un’analisi svolta dall’ISTAT nel 2019 risulta che il numero di lettori cartacei sia diminuito drasticamente, mentre quello di lettori di Ebook è aumentato esponenzialmente. Inoltre, risulta che il livello di istruzione e l’ambiente famigliare influiscono moltissimo sull’avviamento alla lettura da parte dei giovani.

I dati sulla lettura:

il numero di lettori di libri: sono il 40,0% delle persone di 6 anni e più (il 77,2% dei lettori legge solo libri cartacei, il 7,9% solo ebook o libri online). A partire dall’anno 2000, quando la quota di lettori era al 38,6%, l’andamento è stato crescente fino a toccare il massimo nel 2010 con il 46,8% per poi diminuire di nuovo fino a tornare, nel 2016, al livello del 2001 (40,6%), stabile fino al 2019.

Fonte Istat

La quota più alta di lettori continua a essere quella dei giovani: 54,1% nel 2019 tra i 15 e i 17 anni, e 56,6% tra gli 11 e i 14 anni.

Tra uomini e donne continua a persistere un divario rilevante. Nel 2019 la percentuale delle lettrici è del 44,3% e quella dei lettori è al 35,5%. Il divario si manifesta dal 1988, anno in cui risultava lettrice il 39,3% delle donne rispetto al 33,7% dei lettori uomini. Nel 2019 si osserva tuttavia una diminuzione significativa di 1,8 punti percentuali tra le donne.

In assoluto, il pubblico più affezionato alla lettura è rappresentato dalle ragazze tra gli 11 e i 19 anni (oltre il 60% ha letto almeno un libro nell’anno). La quota di lettrici scende sotto il 45% dopo i 55 anni, mentre quella di lettori è sempre inferiore al 50% a partire dai 20 anni.

Fonte Istat

Lettura e abitudini famigliari

La lettura è fortemente influenzata dall’ambiente familiare: i bambini e i ragazzi sono certamente favoriti se i genitori hanno questa abitudine. Tra i ragazzi sotto i 18 anni legge il 77,4% di chi ha madre e padre lettori, e solo il 35,4% tra coloro che hanno entrambi i genitori non lettori. In particolare i lettori più piccoli (6-10 anni) risentono maggiormente della presenza della sola madre lettrice (58,9% legge), mentre dopo i 15 anni, nonostante nessuno dei due genitori legga, ben il 40,6% di questi ragazzi lo fa.

Il ruolo della lettura durante la pandemia

Durante la prima fase dell’emergenza indotta dalla pandemia di Covid-19, la lettura ha accompagnato le giornate di più di 6 persone su 10 (62,6%), rappresentando la terza attività del tempo libero maggiormente svolta dopo la TV-radio (93,6%) e i contatti telefonici/videochiamate con parenti e amici (74,9%).

Durante la Fase 1, la maggioranza della popolazione adulta di 18 anni e più si è dedicata in un giorno medio alla lettura di libri cartacei (21,6%), mentre la lettura digitale ha riguardato il 7% delle persone di 18 anni e più. La maggior parte della popolazione ha letto esclusivamente libri cartacei (19,9%), mentre il 5,3% solo libri su supporto digitale. Soltanto l’1,7% ha letto sia libri cartacei che e-book/libri online.

La pandemia ha giocato un ruolo fondamentale nel mondo dell’editoria; se infatti, prima dell’emergenza sanitaria le persone, terminata la giornata di lavoro si svagavano con gli apparecchi elettronici, ora risulta che dopo un’intera mattinata passata in smart working le persone risultano affaticate e preferiscono riposarsi con altre attività, quali la lettura. 

È fondamentale non scordarsi dell’importanza dei libri, e del ruolo che essi hanno giocato nella storia. Si pensi, ad esempio, alle testimonianze che sono giunte a noi della Seconda guerra mondiale grazie a coloro che hanno trascritto ciò che stava succedendo e lo hanno riportato sulla carta. 

Non importa quale sia il mezzo, se cartaceo o digitale, l’importante è coltivare questa cultura editoriale e far sì che non vada perduta. 

Articolo precedente1° maggio, qual è l’origine del giorno dedicato ai lavoratori?
Articolo successivoLa “Vacinada”, nuovo tormentone 2021
Sono una studentessa al secondo anno di liceo classico alle Stimate, mi chiamo Mariavittoria e abito nella provincia di Verona. Sono una persona solare e cerco sempre il lato positivo delle cose, mi piace contagiare gli altri con l’entusiasmo e vedere in loro la serenità che provo a trasmettere. Nel tempo libero mi piace disegnare, ascoltare musica di vari generi e trovare sempre nuovi passatempi, ma più di tutto mi piace dormire. Pratico uno sport a livello agonistico tre volte a settimana e partecipo a diversi corsi extrascolastici. Il fine settimana (oltre a dormire molto) cerco di “staccare la spina” dalla frenesia di tutti i giorni e mi distraggo uscendo con gli amici e guardando serie tv. Non ho un’idea precisa su un eventuale professione dopo gli studi, ma ciò a cui aspiro è trovare un lavoro che mi piaccia e, soprattutto, che mi permetta di viaggiare il più possibile. Mi piacerebbe molto fare l’esperienza di studio all’estero durante il liceo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here