Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Ci siamo mai posti il dubbio che magari possibili rischi o situazioni pericolose possano verificarsi anche all’interno delle nostre mura domestiche, specie in questi ultimi due anni contrassegnati dall’emergenza Covid che ci ha trattenuti in casa a lungo?

Anche tagliando delle verdure, se non si sta attenti, ci si può fare male seriamente.

Si utilizza infatti l’espressione “incidente domestico” per indicare tutti gli eventi che possono avvenire in casa e che mettono a rischio sia la nostra incolumità che quella di coloro che abitano con noi.

È dunque sbagliato sottovalutare l’entità di questi eventi, mettendone in dubbio la pericolosità, o pensare che questo problema non ci riguardi da vicino.

Basti pensare all’incidente avvenuto il 2 novembre di quest’anno, presso Cultarolo, in provincia di Padova, costato la vita al 37enne Alessandro Parinotti. L’uomo è morto a causa di un incendio scoppiato in casa sua per via di esalazioni di calore emesse dall’asciugacapelli, lasciato inavvertitamente in funzione in salotto. I vigili non sono purtroppo riusciti a salvare l’uomo.

Dimenticare il ferro da stiro acceso può essere molto pericoloso.

Ma in casa possono esserci molti altri pericoli: fenomeni di fuga di gas (dati ad esempio dalla fiamma del piano cottura), cortocircuiti elettrici causati da cavi danneggiati, oggetti pesanti pericolanti per casa (ad esempio un vaso particolarmente grosso), spigoli più accentuati, pavimenti scivolosi o ancora tessuti facilmente infiammabili. 

Queste sono tutte cose che da noi sono viste come innocue, ma che spesso costituiscono la causa principale degli incidenti domestici.

È  importante perciò mantenere una costante manutenzione dell’impianto elettrico, delle tubature, dello stato delle pareti (per prevenire muffe o rilascio di sostanze nocive della pittura o altri materiali); avere un occhio di riguardo rispetto a spigoli o spuntoni troppo sporgenti; avere accortezza nel scegliere l’arredo valutando che mobili, centrini, tovaglie non siano composti da materiali facilmente infiammabili; mantenere sostanze pericolose se somministrate o inalate (come detersivi, solventi o saponi) nei luoghi che vengono indicati sulle etichette dei prodotti.

Soprattutto se sono presenti bambini in casa, è importante che questi vengano costantemente sorvegliati da un adulto. Quindi in conclusione per la nostra sicurezza è importante avere un minimo di accortezza verso quei gesti che quotidianamente compiamo, così da prevenire un largo numero di rischi facilmente evitabili.

Articolo precedenteUna ventata d’Oriente al teatro di Sanguinetto
Articolo successivoBabbo Natale si è fermato a San Giovanni Lupatoto
Mi chiamo Stella, ho 15 anni e frequento il secondo anno di liceo classico. Mi piacciono molte delle materie che sto affrontando a scuola; in particolar modo storia, letteratura e greco. Quando non sono a scuola mi diletto nel praticare sport: infatti sono una ginnasta da quasi sei anni. Ho una famiglia molto numerosa composta da due sorelle più grandi che non vivono con me e cinque fratelli maschi, tutti più piccoli. Con Sabrina, la secondogenita dalla parte di mio padre, ho un rapporto bellissimo nonostante la distanza. Ho la fortuna di avere buoni amici che mi tengono sempre molta compagnia nonostante io mi ritenga molto indipendente come persona. Quando sarò un po' più grande non so esattamente cosa vorrò fare, ma sono sicura che opterei per qualche lavoro socialmente utile che mi permetta di stare con bambini e ragazzi più giovani.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here