Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Straordinaria scoperta quella che è stata fatta qualche settimana fa a San Casciano dei Bagni, in provincia di Siena. In un antico santuario di origine etrusca sono state rinvenute 24 statue di bronzo, non di grandi dimensioni, le più grandi sono alte quasi un metro, datate tra il II e il I secolo a.C.

Il luogo in cui è stato effettuato il ritrovamento fu chiuso in epoca cristiana, nel V secolo d.C., le vasche furono sigillate con delle colonne di pietra e le statue furono lasciate nell’acqua, per questo motivo gli archeologi hanno rinvenuto molti reperti che sono ben conservati. 

Questa scoperta è così importante, perché questo è considerato il più grande deposito di statue dell’Italia antica. Alcune statue raffigurano divinità come Apollo e Igea, altre invece rappresentano organi e parti del corpo; un dato interessante è che nonostante questa vasca risalga a un’epoca di conflitti tra il mondo latino ed etrusco, sono stati ritrovati artefatti appartenenti ad entrambe le civiltà, prova di una convivenza tra i due popoli.

Insieme alle statue sono state ritrovate anche monete, iscrizioni latine ed innumerevoli ex voto, portati al santuario dalle più importanti famiglie della zona e addirittura da alcuni imperatori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here