A Verona è già tempo di carnevale

Nella città scaligera il 6 gennaio si è dato il là ufficialmente alla manifestazione 2024. Tanti gli appuntamenti che avranno uno dei punti più alti e attesi nella sfilata dei carri in città che si terrà venerdì 9 febbraio.

0
Carri di carnevale in piazza Bra a Verona.
Carri di carnevale in piazza Bra a Verona.
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Sabato 6 gennaio 2024 si è svolta a Verona l’inaugurazione del carnevale, durante la quale è stata svelata e posata in Piazza San Zeno la statua del Papà del Gnoco. Allo stesso tempo sono stati annunciati i principali eventi dell’edizione 2024.

Il 23 gennaio, alle 19.30, verrà incoronato il 494° Sire del Carnevale presso l’Auditorium e Buvette del Palazzo della Gran Guardia. Venerdì 9 febbraio si terrà il caratteristico Venerdì Gnocolar, con i saluti al sindaco, al presidente della Provincia e al prefetto, a seguire la sfilata dei carri. Domenica 11 febbraio, alle ore 14.00, è in programma la cavalcata di Tommaso Da Vico. Infine, il 13 febbraio, ci sarà dalle 14:00 l’ultima di carnevale e alle 20:00 si terrà, in Gran Guardia, il Gran ballo in maschera.

Ma qual è l’origine del carnevale?

Il carnevale veronese ha inizio con una durissima  carestia, dovuta a diverse inondazioni e alle scorrerie dei Lanzichenecchi di Carlo V avvenute nel XVI secolo. In un contesto così difficile i fornai approfittarono della situazione e aumentarono il prezzo dei loro prodotti,così facendo però il pane rimaneva invenduto, a causa delle mancanza di denaro nelle tasche dei veronesi, in particolare nell’antico quartiere di San Zeno; dove nel giugno del 1531 gli abitanti, mossi dalla fame, si rivoltarono e assalirono i fornai; fortunatamente però a sedare questa rivolta furono alcuni cittadini abbienti,che decisero di donare viveri ai residenti del quartiere di San Zeno. Tra questi caritatevoli cittadini spicca la figura di Tommaso Da Vico riconosciuto come l’istitutore del “Bacanal del Gnoco” perché scrisse nel suo testamento che ogni anno fossero distribuiti ai “sensenati” pane, farina, burro,formaggio e vino.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here