Tempo di lettura articolo: 2 minuti

“Noi sappiamo che questa lista provocherà grande emozione per le vittime che hanno sofferto in modo terribile e per questa sofferenza chiedo profondamente scusa”, questo è ciò che scrive il vescovo di Brooklyn, il monsignor Nicholas Di Marzio, in una lettera di scuse indirizzata alle vittime di abusi sessuali da parte di un gran numero di preti americani.

Il 16 Febbraio 2019 la diocesi di Brooklyn ha pubblicato un elenco contenente circa un centinaio di nomi di preti accusati “credibilmente” di aver compiuto delle molestie sessuali nei confronti di minorenni. La notizia sconvolge profondamente all’incirca 1,5 milioni di fedeli cattolici, ovvero coloro che risiedono sotto la circoscrizione vescovile della diocesi di Brooklyn, una delle più popolose poiché comprende sia il quartiere di Brooklyn sia il quartiere del Queens.

In particolare, colui che ha spinto alla pubblicazione della lista è stato il monsignor Nicholas Di Marzio, che prosegue nella sua lettera dicendo: “Ho incontrato molte vittime che mi hanno detto che la cosa principale che vogliono che si riconosca è quello che è stato fatto a loro”. Egli afferma che ha preso questa decisione perché vuole aiutare gli abusati a sanare le ferite, dando loro questo riconoscimento. Infatti la lista comprende i nomi di preti protagonisti di molestie accadute negli ultimi dieci anni.

Questo però non è l’unico caso di abusi sessuali da parti di preti americani, ma proprio pochi giorni fa sono stati resi noti i nomi di circa 200 preti, alcuni già deceduti, altri già giudicati o costretti all’abbandonamento del clero, accusati di pedofilia da cinque circoscrizioni vescovali del New Jersey. Inoltre a inizio mese quattordici diocesi del Texas hanno pubblicato i nomi di 280 preti, di cui molti sono già morti, incolpati di molestie sessuali.

Proprio il 16 Febbraio 2019 il Cardinale di Washington, Theodore Edgar McCarrick, è stato ridotto allo stato laicale con l’accusa di pedofilia da Papa Francesco: questo è stato un provvedimento senza precedenti nella storia della Chiesa cattolica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here