Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Quest’anno doveva essere l’anno del ritorno in A dell’Hellas Verona, squadra costruita per dominare il campionato cadetto. La cosa, però, molto probabilmente non avverrà, o almeno non con la qualificazione diretta. Importanti, infatti, sono certamente i Play-Off: mediante questi, il Verona potrebbe passare come terza.

Un campionato iniziato con l’ormai solito caso-Pazzini; l’allenatore dei veronesi, Fabio Grosso, tra gli altri anche ex-campione del mondo con la nazionale azzurra, a inizio stagione cominciava le partite con il Pazzo in panca, cosa che, certamente, in Serie B non s’ha da fare. Poi la questione gioco, un gioco senza molte idee e con gravi lacune difensive. Una cosa, di cui il Verona di quest’anno può certamente non lamentarsi, è il reparto offensivo: le scelte per mister Grosso sono molte, tra i vari Pazzini, Di Carmine, Lee, Di Gaudio, Tupta, Matos e altri che, per un campionato di Serie B, sono da considerare giocatori più che buoni.

L’Hellas ha probabilmente pagato le varie sconfitte negli scontri diretti o semplicemente con squadre non del tutto irresistibili come Padova, Ascoli e Salernitana, squadre che, pur essendo in una posizione bassa di classifica, hanno saputo dar filo da torcere ai veronesi.

Ora ci sarà lo scontro diretto contro il Benevento, forse quasi un’ultima spiaggia per il Verona. A fine campionato probabilmente anche i Play-Off. Dopo la retrocessione del Chievo, c’è lo spettro di un derby non più in A…

 

Articolo precedenteJeddah: entro il 2021 la Kingdom Tower…
Articolo successivoFrosinone – Inter(1-3): vittoria giusta ma non scontata
Ho 17 anni, sono un grande appassionato se non, come dicono tanti miei parenti, il più grande tifoso della storia del Chievo. La cosa strana che dimostra questo è che io, ogni volta che segna il Chievo, piango disperato. Il mio pianto, però, è di gioia. Il mio segno zodiacale sono i Gemelli, poiché sono nato il 26 maggio. Amo molto giocare a tennis ed è per questo che infatti lo pratico. Mi piace, inoltre, andare al cinema. Come materie scolastiche preferisco la parte letteraria ed è anche per questo che ho scelto il Liceo Classico. Alle elementari ho frequentato l'istituto paritario De Vedruna, ad oggi non più esistente, perché chiuso dal 2016. Alle scuole medie, poi, ho frequentato le scuole Stimate, che ancora oggi frequento al Liceo. Mi piace molto viaggiare, infatti, sono molto appassionato anche di geografia. Ho visitato tanti paesi nel mondo...dagli Stati Uniti, passando per il Canada, dagli Emirati Arabi alla lontana Cina! L'Europa, ormai, l'ho visitata quasi del tutto. Questo sono io, questo è Matteo Fezzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here