Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Dal 7 al 10 novembre 2019 si è svolto nella città omonima l’Arezzo Wave Music Contest, concorso nazionale tra venti band emergenti, una per regione, scelte dopo un’accurata selezione. Il Veneto era rappresentato dalla band Apta Zoota, di recente formazione, che negli ultimi tempi ha fatto grandi progressi, prima a livello locale, poi regionale, e ora anche nazionale.

Il fondatore di questa band è Davide Orbelli, trentacinque anni, residente a Grezzana, in provincia di Verona. «La mia passione per la musica – afferma – è nata da quando a undici anni ho visto una band di ragazzi che suonava in televisione, e ho pensato che anch’io avrei potuto fare come loro».

Iniziando a suonare la chitarra del fratello Matteo, proseguì, a partire dai sedici anni, fondando alcune piccole band, fino a dar vita a ventidue anni agli Apta Zoota, nel 2009. Si tratta di un quartetto composto da due chitarre, un basso e una batteria. La loro musica è strumentale, a volte una voce c’è, ma sempre in funzione strumentale. Venne fondata inizialmente quasi per gioco, per provare a suonare in compagnia, e in un’occasione come questa diedero alla luce il loro primo brano: “La rognosa”. Questo, insieme ad altri otto brani, formò il primo album, uscito nel 2011.

Nel 2010 gli Apta Zoota vinsero il Cerrock, un concorso svoltosi a Cerro Veronese tra dieci band emergenti. Seguirono periodi in cui la band non fu molto attiva, fino al 2017, anno in cui Davide Orbelli, Andrea Ballini, Marco Marchioro e Marco Adamoli rimisero in piedi la band, e iniziarono una carriera a livello regionale. A inizio del 2019 l’idea di candidarsi alle selezioni per il concorso di Arezzo, contro altre centotredici band venete, vincendo e venendo selezionati per rappresentare il Veneto al concorso nazionale.

Gli Apta Zoota sul palco del Cerrock nel 2010

«E’ stata una sorpresa, non ce lo aspettavamo. E pensare che eravamo indecisi se provarci o meno» ha affermato a caldo lo stesso Davide. Quindi hanno partecipato al concorso, in cui non hanno vinto, ma portando a casa un’egregia figura.

A breve uscirà un loro mini-album di cinque brani, già pronto, che aspetta solo di essere prodotto. Per il futuro hanno intenzione di proseguire, producendo altri album, mantenendo strumentale la loro musica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here