Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Anche quest’anno, per la settantesima volta, il teatro dell’Ariston ha ospitato uno delle competizioni musicali più celebri del nostro paese. Il festival di Sanremo, nato nel 1951, non ha mai smesso di far emozionare il suo pubblico attraverso la musica, lasciando spazio ad artisti già noti e facendo emergere giovani talenti.

L’edizione di quest’anno, condotta dal presentatore Amadeus, cresciuto a Verona, con l’appoggio del comico catanese Fiorello ha visto protagonisti cantanti di generi diversi e con carriere molto differenti. Si è quindi potuto godere della bellezza della musica in tutte le sue sfumature.

Oltre ai cantanti in gara il festival ha lasciato spazio a diversi ospiti anche internazionali, legati all’ambito musicale e non solo. Tra questi Tiziano Ferro, i Ricchi e Poveri, che si sono riuniti per l’occasione, e lo scozzese Lewis Capaldi.
Anche Roberto Benigni con il suo monologo ha colpito il pubblico presente in sala e a casa.

È curioso notare che un evento nato con fini turistici 70 anni fa, ancora oggi venga celebrato e rappresenti un punto di riferimento per la musica e lo spettacolo italiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here