Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Il continuo cambiamento del clima, lo slittare sempre più avanti delle stagioni e il caldo precoce durante il periodo invernale hanno fatto sì che negli ultimi anni le api iniziassero l’impollinazione dei fiori decisamente in anticipo rispetto al tempo dovuto.

Non è l’unico problema: le api stanno lavorando senza sosta da troppo tempo, disordinando totalmente le loro rigorose abitudini di vita che prevederebbero di riposare nei mesi più freddi.

Questo provoca una diminuzione della quantità di polline che i fiori avranno in primavera, ovvero meno cibo per le api.

Se pensate che questo non sia un grave problema per la specie umana vi sbagliate perchè, scombussolare questo equilibrio significherebbe perdere più del 70% della nostra produzione agricola e, di conseguenza, la nostra salute ne risentirebbe parecchio.

L’aumento così esponenziale dei giorni di lavoro per questi insetti (si parla di 20/30 giorni in più) non solo provoca molto stress alle stesse api, ma compromette molto la loro salute.

Il valore dell’impollinazione in Italia:

Nel 2012 il valore della produzione agricola di mele, pere e pesche è stata di 473,48 milioni di euro, è stato valutato in 56,96 milioni di euro il valore economico dipendente direttamente dall’impollinazione per il settore mele, pere e pesche. In definitiva, il servizio ecosistemico di impollinazione contribuisce a circa il 12% (56,96/473,48) del valore della produzione agricola del settore preso in esame.

Ecco perchè è importante battersi per la salvaguardia di questa specie, da cui dipende la nostra vita e la nostra salute.

Articolo precedenteGhali: «Da bambino pensavo che tutti avessero il padre in carcere»
Articolo successivoUn nuovo trend sui social: Broomstick Challenge
Sono una studentessa al secondo anno di liceo classico alle Stimate, mi chiamo Mariavittoria e abito nella provincia di Verona. Sono una persona solare e cerco sempre il lato positivo delle cose, mi piace contagiare gli altri con l’entusiasmo e vedere in loro la serenità che provo a trasmettere. Nel tempo libero mi piace disegnare, ascoltare musica di vari generi e trovare sempre nuovi passatempi, ma più di tutto mi piace dormire. Pratico uno sport a livello agonistico tre volte a settimana e partecipo a diversi corsi extrascolastici. Il fine settimana (oltre a dormire molto) cerco di “staccare la spina” dalla frenesia di tutti i giorni e mi distraggo uscendo con gli amici e guardando serie tv. Non ho un’idea precisa su un eventuale professione dopo gli studi, ma ciò a cui aspiro è trovare un lavoro che mi piaccia e, soprattutto, che mi permetta di viaggiare il più possibile. Mi piacerebbe molto fare l’esperienza di studio all’estero durante il liceo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here