Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Anche lo spettacolo della Formula Uno alza bandiera bianca. Il Gran Premio d’Australia in programma domenica a Melbourne che avrebbe dovuto dare inizio alla nuova stagione del Mondiale di F1 non si correrà.

Una decisione inevitabile dopo che la McLaren ha dato forfait a seguito della positività al coronavirus di uno dei membri del suo team. Fra le prove previste dal calendario, solo il Gran Premio di Cina programmato a Shanghai in aprile era stato rinviato a data da destinarsi.

Risulta invece confermato il Gp del Bahrain del 22 marzo ma a porte chiuse. A rischio anche l’esordio della F1 in Vietnam previsto per il 5 aprile.

Il caso McLaren

Una decisione, quella dell’annullamento, presa in seguito all’annuncio della McLaren di ritirarsi dal Gran premio d’Australia per via di un contagio all’interno della scuderia. Quello che tutti temevano è dunque reale: anche nella Formula 1 ha fatto il suo ingresso il Covid-19.

Hamilton: “In F1 il denaro è re”

A chiedere la cancellazione del Gran premio sono stati i piloti stessi. Duro il sei volte campione del mondo Hamilton in conferenza stampa sull’ipotesi di correre: “Per me è scioccante il fatto che siamo tutti seduti in questa stanza, la F1 continua ad andare avanti, perché il denaro è re. Cosi ha commentato il pluri campione, dicendo di non essere soddisfatto per l’ipotesi di far partire comunque il mondiale.

Vettel: “Pronti a tirare il freno”

Anche il ferrarista Sebastian Vettel, con la medesima perplessità del suo rivale, non si era tirato indietro: «Spero che altri siano d’accordo, e speriamo che non si arrivi a questo, ma se dovesse succedere sicuramente tirerei il freno a mano. Siamo un gruppo di 20 piloti, ci siamo riuniti negli ultimi anni per varie circostanze e penso che avremo un’opinione comune su grandi decisioni come questa. Credo che saremo abbastanza maturi per prenderci cura di noi stessi». Si è espresso così Vettel in merito alla possibilità di far partire comunque il mondiale 2020, esprimendo la sua volontà di non correre in caso si decida di gareggiare ugualmente.

Articolo precedentePrendersi cura di sé stesse: lo stile “Care for Free”
Articolo successivoQuarantena ieri e oggi
Ho diciassette anni e mi piace camminare in montagna e osservare la flora e la fauna dei luoghi che visito. Amo leggere e il mio genere preferito è il fantasy: leggo spesso libri di Tolkien come “Il Signore degli Anelli”. A volte leggo anche romanzi gialli e romanzi storici, dato che una delle mie materie preferite è proprio la storia; mi piacciono tanto anche le altre materie. Suono il pianoforte, mi piace nuotare e sono uno scout. Ho la passione della fotografia e io e la mia macchina fotografica siamo pressoché inseparabili: ogni volta che andiamo in vacanza o che facciamo una semplice passeggiata, la porto sempre con me, perché non si sa mai cosa si può fotografare di bello. Ho scelto il classico perché mi piacciono le materie classiche e nella mia famiglia è quasi una tradizione. Abito a Castel d’Azzano. Sono una persona gentile, altruista e comprensiva. Da grande mi piacerebbe fare lo storico anche se ho anche altri progetti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here