I Ferragnez donano 100mila Euro all’ospedale San Raffaele

Il cantante Fedez e la fashion blogger Chiara Ferragni, sposati e conosciuti in coppia come i “Ferragnez”, hanno donato una cospicua somma di denaro ad un ospedale e hanno lanciato una raccolta fondi per combattere l’emergenza del Coronavirus.

0
Tempo di lettura articolo: < 1 minute

La notizia è stata data, come è solito per i due, sui social ed è stata resa nota come «contributo all’ospedale per la creazione di nuovi posti letto in terapia intensiva»; in più hanno aperto una raccolta fondi che al momento supera gli 8 milioni di Euro.

Il video appello per le donazioni al San Raffaele

Il gesto ha scatenato una reazione immediata in più di 45.000 followers che, dimostrando grande generosità, hanno offerto un contributo per combattere l’emergenza della mancanza di posti letto per la cura dei pazienti più gravi affetti dal Covid19 .

I Ferragnez sono tra i più noti influencer italiani tanto da entrare addirittura nel vocabolario della Treccani.

Previous articleMarzo 1997, moriva Biggie Smalls, icona hip hop
Next articleSalomon crea le sneaker 100% riciclabili
Sono una studentessa al secondo anno di liceo classico alle Stimate, mi chiamo Mariavittoria e abito nella provincia di Verona. Sono una persona solare e cerco sempre il lato positivo delle cose, mi piace contagiare gli altri con l’entusiasmo e vedere in loro la serenità che provo a trasmettere. Nel tempo libero mi piace disegnare, ascoltare musica di vari generi e trovare sempre nuovi passatempi, ma più di tutto mi piace dormire. Pratico uno sport a livello agonistico tre volte a settimana e partecipo a diversi corsi extrascolastici. Il fine settimana (oltre a dormire molto) cerco di “staccare la spina” dalla frenesia di tutti i giorni e mi distraggo uscendo con gli amici e guardando serie tv. Non ho un’idea precisa su un eventuale professione dopo gli studi, ma ciò a cui aspiro è trovare un lavoro che mi piaccia e, soprattutto, che mi permetta di viaggiare il più possibile. Mi piacerebbe molto fare l’esperienza di studio all’estero durante il liceo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here