Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Due archeologi, Jeffrey Blomster e Victor Salazar, dopo cinque anni da un ritrovamento avvenuto nel 2015 nel sito archeologico di Etlatongo, in Messico Orientale, confermano un fatto già noto ormai da secoli. Essi trovarono infatti una grande superficie lastricata in pietra circondata da numerose gradinate ai lati, grandi metà di un campo da calcio. 

Dopo numerosi studi e ricerche, scoprirono che altro non si trattava di un antichissimo stadio, nel quale 3.400 anni fa si praticava un gioco a squadre che era un misto tra gli attuali sport del calcio e del basket con l’utilizzo di una dura palla di cuoio. Scoprirono inoltre che questo gioco era molto diffuso nell’America Centrale e oltre ad attività ludica, avevo lo scopo di definire le gerarchie e i ruoli delle varie tribù della società dell’epoca. Veniva anche utilizzato per stringere alleanze tra le tribù e per esibire le ricchezze di ognuna di esse.  

Le regole del gioco non sono conosciute, ma recenti ritrovamenti di statuette fanno pensare che la palla di cuoio venisse colpita con i fianchi, coperti da uno spesso cinturone. Inoltre venne scoperto che l’obiettivo del gioco era quello di lanciare la palla all’interno di un cerchio di pietra posizionato in alto.

Infine il campo  nel sito di Etlatong è il secondo ritrovamento; il primo si trova a San Lorenzo, a 300 chilometri di distanza, ed è molto più recente, secondo gli studiosi risale tra il 1400 e il 1000 a.C. 

Questo secondo ritrovamento confermerebbe quindi l’esistenza di altri stadi simili, sparsi in tutta l’America Centrale, che aspettano ancora di essere scoperti.

È comunque molto difficile scoprire tutti i dettagli di questo gioco e della cultura a cui apparteneva, che rimarranno per sempre segreti.

Articolo precedenteUno specchio di sale
Articolo successivoNoah Centineo: tutto finito con la modella Alexis Ren?
Ho 15 anni, abito a Verona, e frequento la quinta ginnasio al liceo classico “Alle Stimate”. Ho scelto questa scuola perchè mi interessano maggiormente le materie umanistiche, dal momento che quelle scientifiche mi hanno sempre creato problemi. Non ho materie preferite, ma mi piacciono molto storia, greco, e stranamente scienze. Sono una ragazza tranquilla e socievole, anche se a primo impatto posso sembrare molto introversa. Pratico danza ormai da undici anni, e nel tempo libero mi piace ascoltare musica, guardare film, uscire o semplicemente non far nulla. Amo andare in montagna, nonostante non ci vada spesso; è un luogo che mi rilassa, anche se camminare per ore può non sembrare molto rilassante. Mi piace leggere, i miei colori preferiti sono il nero e il rosa chiaro; in futuro non ho idea di cosa farò, perché non ho ancora trovato qualcosa che mi appassioni abbastanza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here