«Abbiamo creato Rt.live perchè crediamo che Rt sia uno dei modi migliori per capire come si sta diffondendo il Covid- 19» afferma Krieger, cofondatore di Instagram, in un’intervista con TechCrunch

Kevin Systrom e Mike Krieger, i fondatori del social più utilizzato in tutto il mondo, sono infatti tornati a lavorare insieme per creare un sistema che aiuti a tracciare la diffusione dei contagi di Covid- 19 negli Stati Uniti

La piattaforma si chiama Rt.live ed è in grado di mostrare il numero di riproduzione effettivo (Rt), cioè il numero di infezioni che un individuo contagiato produce in un dato momento. Si tratta di un rapporto tra la capacità di riprodursi del Covid-19 (R) nel tempo (T). 

Attraverso l’analisi dell‘andamento della curva è possibile ipotizzare e pianificare in quanto tempo il mondo potrà tornare alla vita normale

I due fondatori di Instagram hanno cercato un nuovo sistema per controllare e limitare i contagi, affinché tutti possano tornare, il prima possibile, alla normalità

Un post pubblicato da Mike Krieger con il collega Kevin Systrom nell’ottobre del 2016
Articolo precedente“Pink hair” per Dua lipa
Articolo successivoL’asteroide con la mascherina
Giulia Marconcini
Ho 15 anni e frequento la quinta ginnasio. Circa due anni fa ho scelto di iniziare il liceo classico perchè, volendo lasciare aperte tutte le porte per il mio futuro, ho pensato che questo indirizzo, come dicono molti, fosse in grado di “aprire la mente”. Che il classico potesse farmi uscire alla fine dei cinque anni con ampie conoscenze in tutti gli ambiti, non solo in quello umanistico. In generale, mi piace molto andare in fondo alle cose, non mi accontento mai, penso quindi di aver scelto l’indirizzo più adatto a me. Da quando sono piccola, sono sempre stata molto testarda, permalosa ed estroversa. Sono una ragazza molto determinata: con molto impegno e perseveranza penso si possa raggiungere ogni obiettivo. Sono molto sportiva, gioco a tennis, nonostante per molti anni abbia praticato il Cheerliding, che nel 2018 mi ha dato l’opportunità di partecipare ai Mondiali ad Orlando. Da grande mi piacerebbe fare un lavoro non monotono, innovativo, che mi permetta di realizzare tanti dei miei sogni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here