Poco prima delle 22:00 di giovedì 18 febbraio, Perseverance è atterrato su Marte, grazie a un razzo Atlas V, dopo un lungo viaggio, iniziato il 30 luglio 2020, durato ben 203 giorni, coprendo una distanza di oltre 470 milioni di chilometri.

Perseverance

Perseverance è un rover della Nasa, che fa parte della missione Mars 2020 e che ha richiesto più di sette anni di preparazione, soprattutto per coloro che lavoravano presso il Jet Propulsion Laboratory (JPL), il laboratorio della Nasa di Pasadena (California), che si occupa dell’esplorazione dello spazio con sonde, lander e rover.

Il rover contiene 43 provette di titanio, che serviranno per raccogliere dei campioni con il suo trapano, che verranno riportarti sulla Terra in una prossima missione.

Il trapano è posto su un braccio robotico e potrà utilizzare nove punte per perforare le rocce marziane; in seguito le provette saranno immagazzinate e fotografate. 

Il progetto prevede che siano raccolti almeno 20 campioni, anche se i ricercatori sperano di riempire tutte le 43 provette, che dovrebbero garantire l’integrità dei campioni per almeno 20 anni su Marte. 

L’iniziativa per portare le provette sulla Terra è portata avanti dalla Nasa in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (ESA): l’idea è quella di inviare in futuro un nuovo rover su Marte per caricare i campioni su un mini razzo, che dovrebbe poi portarli in orbita intorno a Marte. A questo punto, una sonda dovrebbe intercettare il contenitore con le provette per portarlo sulla Terra. Non è mai stato tentato niente di simile, ma avere quei campioni sul nostro pianeta permetterebbe di effettuare analisi più approfondite e precise sulla vita marziana.

ESA logo

Insieme a Perceverance, c’è Ingenuity, un drone di piccole dimensioni che ricorda un elicottero: si tratta di un prototipo per capire se ci siano sistemi più pratici per spostarsi su Marte.

Ingenuity

Ad oggi gli Stati Uniti sono l’unico Paese ad avere realizzato con successo atterraggi controllati, portando diversi rover su Marte (in primavera ci proverà per la prima volta anche la Cina). Il più grande di tutti i rover, prima dell’arrivo di Perseverance, era Curiosity, ancora in funzione dopo quasi nove anni di attività su Marte, che ci ha permesso di avere immagini e dati preziosi

Curiosity

La destinazione è il cratere Jezero, un cratere situato sul lato occidentale della grande pianura Isidis Planitia. Questo luogo è stato scelto sulla base delle ricerche svolte negli ultimi anni e sulle rivelazioni fornite dalle sonde in orbita intorno a Marte. 

I ricercatori ritengono che questo cratere, circa 3,9 miliardi di anni fa, ospitasse un fiume, che sfociava in un lago. Il corso d’acqua avrebbe portato con sé sedimenti e minerali, che nel lago avrebbero costituito la giusta ricetta per alimentare microbi, e forse altre forme di vita. 

Cratere Jezero

L’atterraggio di Perseverance, che contiene anche il drone-elicottero Mars Helicopter Scout, conosciuto come Ingenuity, si è potuto seguire sui canali streaming della Nasa, su YouTube e sui canali social Twitter, Facebook, Twitch e altri. 

Perseverance, come i predecessori, studierà la superfice del pianeta per un intero anno marziano, quasi due anni terrestri

In ogni caso, l’atterraggio è già stato un successo scientifico, perché aver superato i “sette minuti di terrore” dopo l’ingresso negli strati superiori dell’atmosfera, era riuscito solo al 40% delle missioni precedenti. Infatti, si tratta di una manovra molto complicata, in quanto la pressione atmosferica è talmente bassa che i lander, navicelle spaziali che effettuano la discesa e sostano sulla superficie di un corpo celeste, la attraversano a velocità enormi e devono essere rallentati. 

Il tempo per effettuare l’ingresso nell’atmosfera di Marte, la discesa e l’atterraggio è relativamente breve, senza contare che la distanza dalla Terra di circa 254 milioni di chilometri rende impossibile un controllo diretto. La Nasa definisce i “sette minuti di terrore” quei minuti in cui Perseverance ha dovuto fare tutto da solo con i suoi sistemi di bordo e senza la possibilità di interventi e correzioni da parte del centro di controllo.  

La manovra è iniziata alle 20:48 quando una capsula protettiva contenente Perseverance (grande quando un SUV), Ingenuity e un veicolo di discesa finale, lo Skycrane, è entrata alla velocità di 19.500 km/h nell’atmosfera di Marte. Perceverance ha raggiunto il suolo di Marte alle ore 21:44 del 18 febbraio, ma dato che il pianeta è molto lontano dalla Terra, si è avuta la conferma che tutto fosse andato secondo i piani solo dopo 12 minuti.

Percevarance impiegherà circa 30 sol, ovvero 30 giorni marziani, che corrispondono a 24 ore, 39 minuti e 40 secondi terrestri, per le procedure tecniche iniziali, controlli degli strumenti e brevi test degli spostamenti, ed impiegherà altri 30 sol per i voli di test di Ingenuity; quindi le attività vere e proprie di raccolta dei campioni, con il suo trapano, inizieranno dopo circa 60 sol.

Tutto questo in attesa che arrivi il rover dell’ESA per riportare i preziosi campioni sulla Terra, con la missione Exo Mars 2022, non prima del giugno 2023.

Articolo precedenteHyperloop, il trasporto del futuro: cos’è e come funziona
Articolo successivoIn cosa consiste la vera felicità?
Chiara Montresor
Frequento la V Ginnasio alle Stimate, ho scelto il liceo classico perché sono sempre stata affascinata dalle materie umanistiche, inoltre, ritengo che questo indirizzo dia la possibilità di fare qualsiasi tipo di università. Vivo a Peschiera del Garda, in provincia di Verona, nonostante la distanza dalla scuola amo vivere sul lago. Come sport pratico da quattro anni il cerchio aereo, un arte circense, e scio da quando ho tre anni. Il mio segno zodiacale è il leone, mi reputo una persona estroversa, solare e dolce, anche se molto testarda: penso sempre di aver ragione. Nel tempo libero mi piace uscire con gli amici, spesso guardo serie tv, preferisco quelle che riguardano gli adolescenti, ma la mia preferita rimarrà sempre Friends. Amo ascoltare la musica, andando a scuola in treno, la ascolto spesso, mi piacciono quasi tutti i generi musicali, ma il mio preferito in assoluto è l’Indie. Non so ancora bene cosa vorrei fare da grande, mi piacerebbe viaggiare e realizzare i miei sogni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here