Che il vino rappresenti uno dei pilastri della nostra cultura culinaria si sa e l’azienda Masi è per i veronesi una grande fonte d’orgoglio. Raffaele boscaini, figlio del presidente dell’azienda vinicola nata in Valpolicella, Sandro Boscaini, ci racconta la sua esperienza in questo fantastico mondo. 

Com’è stato crescere respirando la passione per il vino della sua famiglia? 

La risposta è già nella domanda. Proprio cosí, la mia infanzia è stata caratterizzata dalla forte presenza di questa passione per l’azienda di famiglia. Un amore questo che si è poi fatto strada dentro me in un modo direi molto naturale. Mai nessuno ha cercato di forzare le mie scelte, tutto é avvenuto come “normale che fosse così”. A chi mi chiede “quando hai deciso di continuare l’attività di famiglia” rispondo sempre che non l’ho proprio deciso ma l’ho sempre saputo!

La famiglia Boscaini

Qual è stata la più grande soddisfazione che questo lavoro le ha regalato negli anni? 

E’ sempre nel riconoscimento esterno che, normalmente, si ha evidenza dei propri successi e delle proprie capacità. Nel nostro mondo però le maggiori soddisfazioni sono sempre correlate a situazioni che si sviluppano in tempi lunghi, molto lunghi. Pensiamo ad un nuovo vino, per esempio, dalla sua ideazione possono passare tranquillamente dieci anni prima di poterlo vedere sulla tavola di un ristorante, dalla messa a dimora delle viti passando dalla prima produzione di uva, poi la trasformazione in vino, l’invecchiamento e finalmente l’imbottigliamento. Questo per dire che il risultato del proprio lavoro è sempre e solo parte di uno sforzo e di una dedizione di più persone in un tempo lungo, ecco perché è così appassionante. Festeggiare, qualche anno fa, i 50 anni dalla prima produzione di Campofiorin, un vino ideato da mio nonno, mi ha riempito d’orgoglio o gratitudine per avere il privilegio di essere parte attiva in una storia così ricca.

Cosa la appassiona di più del suo lavoro?

Sicuramente la possibilità di interagire con l’ambiente, la società (in diverse culture) e la natura, che sono per me grandi maestri. Attraverso il vino posso trovarmi a stretto contatto con un contadino, un uomo d’affari, un professionista, un politico o, come in questo caso, con una giovane studentessa. Attorno ad un ipotetico tavolo così composto il vino ha la capacità di abbinare ogni differenza e mettere tutti allo stesso livello. Questo è quello che io chiamo il “miracolo del vino” e mi appassiona tantissimo!

Come sta affrontando il mondo del vino questo periodo? 

Da una parte ci sono le stagioni e la natura che continuano a darci il loro frutto, la nostra produzione non si è quindi fermata. Dal lato opposto si sono contratte le occasioni di consumo e il mercato (specie quello relativo alla ristorazione) assorbe molto meno prodotto. 

Le aziende sperimentano nuovi canali distributivi (on line in primis) e studiano strategie per favorire nuove occasioni di consumo alternative a quelle tradizionali. I segnali di ottimismo però non mancano, ogni volta che si sono allentate le restrizioni relative alle chiusure dei locali il consumo ha subito ripreso i livelli abituali segno che “il buon bicchier di vino in compagnia” non è passato di moda!

Per concludere, qual è il suo vino preferito?

Ho una passione per una varietà di uva in particolare: il pinot nero. Ha la capacità di trasformarsi e regalarci vini per tutte le occasioni. A seconda di come viene lavorata può diventare un fresco e gioioso vino quotidiano ma anche un elegante vino strutturato fino a divertirci sotto forma di spumante di pregio.

Raffaele Boscaini
Articolo precedenteUn anno fa l’inizio del lockdown, cos’è cambiato da allora?
Articolo successivoVincent Van Gogh: all’asta un suo quadro parigino
Giulia Marconcini
Ho 16 anni e frequento la prima liceo. Circa tre anni fa ho scelto di iniziare il liceo classico perché, volendo lasciare aperte tutte le porte per il mio futuro, ho pensato che questo indirizzo, come dicono molti, fosse in grado di “aprire la mente”. Che il classico potesse farmi uscire alla fine dei cinque anni con ampie conoscenze in tutti gli ambiti, non solo in quello umanistico. In generale, mi piace molto andare in fondo alle cose, non mi accontento mai, penso quindi di aver scelto l’indirizzo più adatto a me. Da quando sono piccola, sono sempre stata molto testarda, permalosa ed estroversa. Sono una ragazza molto determinata: con molto impegno e perseveranza penso si possa raggiungere ogni obiettivo. Sono molto sportiva, gioco a tennis, nonostante per molti anni abbia praticato il Cheerliding, che nel 2018 mi ha dato l’opportunità di partecipare ai Mondiali ad Orlando. Da grande mi piacerebbe fare un lavoro non monotono, innovativo, che mi permetta di realizzare tanti dei miei sogni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here