Tempo di lettura articolo: 3 minuti

A distanza di circa 35 anni dall’esplosione del reattore numero quattro nella centrale nucleare di Chernobyl, qualcosa sembra essersi riattivato, mettendo tutti nel terrore di un’altra possibile catastrofe anche se minore rispetto a quella del 1986. Gli scienziati del governo ucraino stanno cercando di capire se le reazioni di fissione nucleare ora in aumento si esauriranno da sole o se sarà necessario un intervento esterno per evitare un possibile incidente.

Ruota panoramica di Chernobyl

La rivista Science lo ha riportato pochi giorni fa in un’intervista ad un famoso chimico di materiali nucleari dell’università di Sheffield: «E’ come se ci fossero tizzoni in un barbecue!» afferma

I sensori hanno infatti registrato un numero crescente di neutroni all’interno del “sarcofago” di cemento costruito sul reattore dopo l’esplosione della centrale, per evitare la diffusione di materiali radioattivi nell’aria. Lo scontro  dei neutroni con l’uranio, materiale estremamente instabile, provocherebbe delle fissioni nucleari che, producendo ulteriori neutroni, potrebbero generare una catena di fissioni nucleari simile a una vera e propria bomba atomica. 

Scudo di protezione costruito sulla centrale nucleare di Cernobyl

Alcuni pensano che la causa dell’incremento di neutroni sia dovuto alla costruzione di una nuova struttura sopra il già presente sarcofago, che ha influito negativamente sui materiali radioattivi contenuti all’interno. Prima infatti l’acqua piovana era in grado di entrare all’interno del reattore e permetteva di rallentare il moto dei neutroni, diminuendo così la probabilità di scontro con l’uranio. La costruzione di un secondo strato repellente all’acqua nel 2010, comportò però una diminuzione dell’acqua contenuta al suo interno che quindi non era più in grado di rallentare a sufficienza i neutroni.

Possibile una nuova catastrofe?

La centrale nucleare di Chernobyl dopo il disastro del 1986

«Ci sono molte incertezze, ma non possiamo escludere la possibilità di un nuovo incidente – afferma il collega del chimico in Istituto, Maxim Saveliev, aggiungendo che – il conteggio di neutroni aumenta lentamente» . Se la situazione non si risolverà da sola sarà necessario un intervento da parte del team di Anatolii Doroshenko, dell’Istituto per i problemi di sicurezza degli impianti nucleari di Kiev. Sarà comunque un’impresa ardua perché, in quel caso, dovrebbero entrare fisicamente nella stanza ora inaccessibile e non visitata da esseri umani dal giorno dell’incidente.

A tutto ciò si aggiunge che al momento della prima esplosione, quando si sciolse il nucleo del reattore, le barre di uranio usate come combustibile, il loro rivestimento di zirconio, le barre di grafite, e sabbia si riversarono come lava precipitando nella cantina d’ingresso del reattore, dove successivamente si sono pietrificate nel Fcm (Fuel containing material); ed oggi in quel luogo si trovano 170 tonnellate di uranio irradiato. 

Il rischio è quello di una possibile esplosione, non come quella avvenuta nel 1986, poichè contenuta, ma che potrebbe comunque far crollare alcune sezioni non stabili dell’edificio, rilasciando polvere radioattiva nella nuova struttura di protezione.

Articolo precedenteCosa potremmo trovare nel museo dei capolavori rubati?
Articolo successivoWhich is the best season of the year?
Ciao, il mio nome è Arianna e frequento la quinta ginnasio del liceo classico “Alle Stimate”. La scelta di questo indirizzo non è stata per nulla semplice: non avevo le idee chiare sul mio futuro e non riuscivo a trovare delle preferenze determinanti tra materie umanistiche e scientifiche. Per mio carattere infatti tendo sempre a vedere ciò che di interessante c’è in ogni argomento e ciò mi porta poi ad appassionarmici. Ho un carattere propositivo, estroverso e solare: adoro ridere, condividere emozioni e divertirmi con gli amici. Ho molti interessi e passioni che nel tempo ho sviluppato e che mi hanno arricchito sotto tanti aspetti: l’arte e la pittura, che vivo a 360° grazie anche a mia mamma, che mi ha fatto conoscere questo magico mondo; la danza, che mi permette di esprimere ciò che provo in un modo unico e molto personale e il canto, che fa sempre vibrare la mia anima. Da sempre appartengo con fierezza al mondo Scout che attraverso tantissime esperienze mi ha regalato nuove prospettive e gusto della vita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here