Murubutu e Claver Gold: il ritorno del “letteraturap”

Dopo il successo di “Infernum”, il professore di storia e filosofia Alessio Mariani, in arte Murubutu, ritorna insieme a Claver Gold sulla scena musicale rap con un nuovo album.

Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Il 14 gennaio il rapper Murubutu, nome d’arte di Alessio Mariani, in collaborazione con Claver Gold e altri artisti, ha pubblicato il suo quinto concept album: “Storie d’amore con pioggia e altri racconti di rovesci e temporali”.

L’argomento dell’album era già stato anticipato dall’uscita della traccia “Black Rain”, dove si narra di un mondo distopico, in cui il popolo è sommerso da una continua pioggia, utilizzata come metodo di repressione, che “cala in massa e s’abbatte sulla città bassa, la spazza e la porta via”.

La copertina del nuovo album di Murubutu

Filo conduttore del disco, come chiaramente suggerito dal titolo, è la pioggia che viene utilizzata per raccontare argomenti complessi, come il valore della memoria, l’inquinamento e le diseguaglianze socio-economiche.

La pioggia assume diversi significati e connotazioni, diventando simbolo dei ricordi fuggevoli, delle “mille possibili scie” della vita, miracolo divino “che dissetava i legionari” ma anche catastrofe che “non si ferma, scende da millenni, batte cieca sul pianeta e ci trascina via”.

Unicità dell’artista è l’utilizzo di un lessico colto e ricercato, di una scrittura elegante, intima e raffinata che lo inserisce a pieno titolo nel cantautorato italiano. Proprio per questo il suo genere musicale viene definito anche “letteraturap”.

La voglia di produrre, come dichiarato dallo stesso artista in un’intervista per “La casa del rap”, “una musica meno tecnica, più emotiva e melodica”, ha dato vita ad un album insolito che unisce i beats tipici della musica rap a basi melodiche e strumentali, ma che non si discosta dallo stile emblematico di Murubutu, di un rap letterario intriso di riferimenti ad opere d’arte, romanzi e avvenimenti della storia.

Il rapper professore ha inserito, come da lui dichiarato nella stessa intervista, una “deformazione professionale, un pezzo prettamente didattico”, “Legio XII fulminata”, in cui viene narrato l’episodio chiamato “Miracolo della pioggia”, durante il quale la dodicesima legione fulminata si scontrò con i Quadi e i Marcomanni.

Altro brano significativo dell’album è “Markus ed Ewa” che, prendendo spunto da una storia vera, racconta come il Muro di Berlino abbia influenzato profondamente la storia d’Europa e soprattutto la vita di chi ha vissuto questa forzata separazione in prima persona.

Per i più curiosi, ascoltando con attenzione i testi delle canzoni, come accadeva negli album precedenti, è possibile scoprire numerose citazioni storico-artistiche  ed approfondire il loro legame con i nostri studi classici, mostrandoci che è possibile imparare anche attraverso il rap.

Articolo precedenteArrestati i rapper Baby Gang e Neima Ezza, per loro accuse di violenza e minacce
Articolo successivoDalla Turchia all’Italia grazie a una foto
Ho quindici anni e vivo a Verona. Se non mi trovate chiuso in casa a leggere manga o libri fantasy, cercatemi al mare o al lago, anzi, in qualsiasi luogo in cui si possa nuotare. Fin da piccolo, sono sempre stato affascinato dal paesaggio sottomarino e dalla sua tranquillità, dai colori accesi dei pesci e dalle stelle marine. Questa mia passione si riflette negli sport che pratico da anni: apnea, per poter ammirare i pesci senza bisogno di attrezzature; subacquea, per raggiungere i luoghi in cui il mio respiro non riesce a portarmi; barca a vela e kayak, per quando ho voglia di osservare l’acqua da un punto di vista differente. Da grande mi piacerebbe diventare un biologo marino, per unire due miei grandi amori: quello per il mare e quello per la scienza. Ho un sogno nel cassetto: riuscire a visitare il Giappone. Sono attratto dalla cultura giapponese per il forte contrasto tra antico e moderno, tra tradizioni millenarie e avanguardia tecnologica. Vorrei immergermi nei bellissimi paesaggi naturali del monte Fuji o perdermi nella vita frenetica di quartieri come Shibuya; imparare la scrittura kanji, che riesce a far sembrare un semplice testo un’opera d’arte, e sperimentare la cucina nipponica, così diversa da quella italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here