Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Come per il 12 febbraio 2021 o come per il 02/02/2020 anche quest’anno si è presentata una data simile: lo scorso 22 febbraio 2022, infatti, è celebrato come un giorno palindromo, ovvero una sequenza di caratteri che, letta al contrario, rimane invariata

Il sonstantivo palindromo deriva dal greco παλίνδρομος,composto dall’unione di due parole πάλιν (indietro) e δραμεῖν (correre).

Oltre al palindromo numerico, ovvero quando le cifre di un numero rappresentano lo stesso valore sia che siano lette da destra che da sinistra, esiste anche il “palindromo sillabico“, cioè una parola oppure una frase le cui sillabe, se lette al contrario, sono invariate; ne è d’esempio il nome “Ne-ro-ne“.

Palindromo numerico

Quella del 22 febbraio però non è una data palindroma in tutto il mondo. Stati Uniti e Canada usano infatti un diverso formato rispetto a chi indica “giorno/mese/anno“, poiché antepongono il mese al giorno

Twosday

L’ultima volta di una data palindroma a tutto tondo è stato il 2 febbraio 2020. Per i matematici americani era il “Twos-day”, il giorno del 2. Si tratta di un numero particolarmente suggestivo: per i Maya era il numero del doppio e del confronto. Il 2 è poi il primo numero primo, e l’unico ad essere anche un numero pari. 

Tornando al 22 febbraio 2022, oltre ad essere una data palindroma, è anche ambigramma ovvero può essere letta capovolta, a testa in giù.                                                                                                  

Douglas Hofstadter

Questa parola è stata promossa nel 1986 da Douglas Hofstadter; è formata dal prefisso latino ambi (entrambi) e dal radicale greco γραμ (scrittura).                                                                                        

Nel corso del nuovo secolo questa particolarità si è presentata ben sei volte e prima che questo finisca capiterà altre 22 volte. Addirittura fra 70 anni ci sarà un evento unico: la data palindroma bisestile: 29-02-2092.

La storia del palindromo

Secondo una leggenda l’inventore sarebbe stato il poeta greco Sotade, vissuto nel III secolo ad Alessandria d’Egitto.

Tra i palindromi più famosi c’è la misteriosa iscrizione in latino “ROTAS OPERA TENET AREPO SATOR”, – più nota nella forma “SATOR AREPO TENET OPERA ROTAS”, le cui parole sono disposte nella stesura grafica in modo da comporre un “quadrato magico”. L’iscrizione è stata trovata su pareti, mosaici, codici, quadri sparsi in diverse aree d’Europa. 

il “quadrato magico” latino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here