Tempo di lettura articolo: 2 minuti

In occasione della festa della donna, nella giornata dell’8 marzo e nel giorno immediatamente successivo, presso Palazzo Maffei si sono tenute visite guidate esclusivamente dallo staff femminile del museo. Queste visite guidate nei saloni del celebre palazzo si sono concentrate per lo più sulle opere d’arte che vedevano le donne come protagoniste. 

Giovanni Boldini – Ferrara 1842 – Paris 1931 – Ritratto di signora seduta – (Madame S., cantante argentina) 1891 – Olio su tela

L’edificio affonda le sue radici già in epoca medioevale, ma soltanto in seguito ad un’intensa opera di restauro, avvenuta tra il 1626 e il 1668  su richiesta dei proprietari, i banchieri Marcantonio e Rolandino Maffei, è diventato il celebre palazzo di Verona che noi tutti conosciamo; si dice che i due membri della famiglia Maffei, per far approvare la richiesta di ristrutturazione, abbiano utilizzato come pretesto la necessità di migliorare il decoro della piazza. Il progetto, come si percepisce dalla splendida facciata barocca che dà sulla piazza, secondo l’affermazione di Scipione Maffei, grande erudito e riformatore veronese, fu probabilmente affidato ad un architetto romano, di cui tuttavia si ignora l’identità.

<<Non solo muse>>, questo è il titolo del percorso che ha reso omaggio al genere femminile nella giornata dell’8 marzo. Il nome scelto è stato scelto per sottolineare come le donne non siano presenti esclusivamente in qualità di ispiratrici dei dipinti, ma anche come realizzatitrici delle opere esposte. L’obiettivo è quindi far capire al pubblico come la figura femminile non debba solo essere associata alla bellezza, ma anche al genio artistico e alla creatività.

L’iniziativa ha fatto emergere storie e curiosità sui personaggi rappresentati e sugli autori delle opere esposte.

Grazie a questi dipinti la mostra ha offerto quindi la possibilità di ammirare testimonianze importanti del ruolo giocato anche nella storia dell’arte dalle donne, per superare assieme al pubblico uno dei tanti pregiudizi di cui è troppo spesso vittima il mondo femminile.

Articolo precedenteMetaverso, il nuovo Internet del futuro 
Articolo successivoMarzo 421 d.C.: 1601 anni fa, la nascita di Venezia
Mi chiamo Aurora, ho 15 anni e frequento la quinta ginnasio.Le materie che studio in questo indirizzo mi piacciono molto.Quando non sono a scuola, e ho del tempo libero, mi diverto ad andare in bicicletta ammirando il paesaggio del luogo in cui abito,il lago di Garda.In alternativa, insieme a mia madre, vado a fare lunghe passeggiate,sulle coste del lago o nelle campagne. La mia famiglia è composta da quattro persone: mia madre, mio padre e mia sorella; con loro ho un bellissimo rapporto. Per quanto riguarda gli amici, posso dire di non averne molti che reputo fidati, però riesco ad instaurare buoni rapporti con tutti. In futuro il mio sogno sarebbe quello di fare l'insegnante, poiché vorrei insegnare ai miei alunni che non sempre si possono ottenere risultati positivi, ma nonostante ciò, con un ottimo lavoro, potranno realizzarsi come persone.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here