Tempo di lettura articolo: < 1 minute

Ci potrebbe essere una svolta nel caso di Saman Abbas, la giovane pakistana scomparsa nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio 2021 e mai ritrovata: resti sono stati rinvenuti nel corso di un sopralluogo dei carabinieri in un casolare poco distante a dove la ragazza viveva con la famiglia e sono in corso accertamenti per capire se si tratti del corpo di Saman. Per l’omicidio della giovane, che aveva rifiutato un matrimonio combinato, sono indagati cinque parenti.

Ora c’è una salma e potrebbe essere quella della giovane 18enne. Gli inquirenti l’hanno cercata per mesi, anche con l’utilizzo di cani molecolari ed ecoscandagli. Nelle serre, nei campi, nei canali, senza mai aver riscontrato alcun risultato.

Ancora mancano le conferme ufficiali, che arriveranno solo dopo accertamenti e analisi scientifiche, ma ormai non ci sono più dubbi che il cadavere sia proprio quello di Saman.

Il padre della giovane, Shabbar, è stato a lungo latitante in Pakistan ed è stato arrestato pochi giorni fa.  

I due genitori, secondo gli investigatori, sono responsabili – insieme ad altri tre partenti, tutti in carcere – dell’omicidio della ragazza e di aver nascosto il cadavere. Saman sarebbe stata uccisa per aver rifiutato di sposare un cugino in patria.

La madre della ragazza non è ancora stata ritrovata, le prime parole dette da suo marito alla polizia sono state: “Mia moglie non è più in Pakistan, è partita per l’Europa. È inutile che la cercate…”: queste sarebbero state le prime parole dette alla polizia da Shabbar Abbas. Da alcuni accertamenti sembra che la donna si trovi ancora in Pakistan.

Articolo precedenteL’accesso a Venezia sarà limitato?
Articolo successivoLa tradizione veneta torna in tavola
Ho 15 anni e frequento la V ginnasio al liceo classico della scuola “alle Stimate”. Ho scelto questo liceo perché mi sono sempre piaciute le materie umanistiche, che frequentando questo liceo sto imparando ad apprezzare sempre più. Le materie che preferisco sono la letteratura e la storia, che ora studio in modo dettagliato. Una delle mie passioni più grandi è l’arpa che suono da ormai dieci anni, sia perché la musica mi ha sempre aiutato a rilassarmi, sia perchè trovo che l’arpa sia uno strumento bellissimo. Ho anche fatto danza per nove anni, anche se quest'anno ho dovuto lasciarla. Caratterialmente sono una persona molto introversa e timida, infatti, non amo parlare con gente nuova e tendo a non aprirmi nei primi periodi in cui conosco una persona, ma, rispetto a quando ero più piccola sono più aperta. Con le persone che conosco meglio, sono più estroversa, ma faccio comunque fatica a parlare dei miei problemi, o a dire la mia opinione, nonostante io sia una persona testarda.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here