AGeSC, “un ponte” tra scuola e famiglia 

Lorenzo da Ronco è il presidente del Comitato AGeSC d’Istituto, un organo collegiale che mira a collaborare con la scuola per garantire la formazione dei genitori nell’ambito dei valori della fede Cattolica

0
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Spesso scuola e famiglia appaiono come ambienti completamente distinti e, talvolta, in conflitto tra loro; proprio per questo nasce il Comitato AGeSC, presente in ogni istituto cattolico italiano e composto da alcuni rappresentanti eletti dai genitori degli studenti.

Abbiamo intervistato Lorenzo da Ronco, presidente AGeSC presso l’Istituto “Alle Stimate” di Verona, proprio per capire di più e meglio in cosa consiste e quali sono le funzioni del Comitato.

Scorri fino alla slide 4 per ascoltare l’intervista

Da Ronco, essendo anche padre di due studentesse della scuola, ha riconosciuto nel comitato un “ponte” di comunicazione tra la scuola e le famiglie, al fine di un’efficace collaborazione per migliorare la qualità dell’istruzione, promuovere il benessere degli studenti e affrontare le continue sfide educative e organizzative, che spesso si incontrano in un istituto scolastico.

Come sottolineato anche dal presidente, i progetti che AGeSC propone e promuove riguardano argomenti molto vicini ai giovani, ma dei quali gli stessi a volte hanno paura o faticano a parlare, come le dipendenze da alcol o da droga, il cyberbullismo o i fenomeni sempre più frequenti dei disturbi alimentari.

Dal presidente da Ronco viene, infine, ricordato che il 18 aprile 2024, alle 20.30, presso il teatro Alle Stimate, un’associazione molto attiva di Mestre, porterà in scena “LaVoce’’, uno spettacolo gratuito, promosso dall’AGeSC, anche col patrocinio del Comune di Verona, sul problema dei D.C.A. Si tratta di una rappresentazione muta, con attori che hanno sofferto in prima persona di tali disordini alimentari.

È un evento da non perdere non solo per tutti gli adolescenti, abituati a vivere in un mondo di giudizi e di ideali di frequente sbagliati, ma anche per i genitori, che dovrebbero imparare a ‘’conoscere’’ e a ‘’riconoscere’’ in tempo la gravità di problemi del genere!

Iniziative come questa sono la dimostrazione di quanto la funzione dell’AGeSC sia importante non solo dunque per il benessere degli studenti, ma anche per l’istruzione dei genitori!

Previous articleStefano Carta e il sogno di fondare Sambo Volley
Next articleUn museo dal fascino infinito
Alice Lanza
Mi chiamo Alice, ho 14 anni e frequento a Verona la quinta ginnasio all’istituto “Alle Stimate”. Diciamo che prediligo studiare, avendo tra l’altro scelto il liceo classico, le materie umanistiche, ma, non disdegno neanche quelle scientifiche. Ovviamente il periodo delle vacanze mi rende più felice e mi fa sentire più libera e solare, permettendomi di avere più tempo a disposizione per i miei amici, che posso frequentare per tante ore al giorno. Gli sport sono la mia passione. In particolare, adoro surfare, planando sulle onde del mare di Bibione o di Gallipoli, che sono le due località dove trascorro fin da piccola la maggior parte delle mie vacanze estive. Sono, però, una persona che adora le novità e, proprio per questo, amo viaggiare e visitare posti sempre diversi, conoscendo, magari, anche persone nuove. Anche il tennis mi piace molto, ma, se mi capita, preferisco ancor di più fare lunghe passeggiate in bicicletta nelle campagne vicine alla mia città, fermandomi ogni tanto ad osservare il bel paesaggio circostante. Mi descriverei anche amante della musica, visto che l’ascolto appena ho un attimo di libertà e di tranquillità. Mi piace, poi, la buona cucina, anche se solo alcune pietanze mi attraggono, non osando neppure assaggiare ciò di cui, già a prima vista, non mi ispira l’aspetto. Insomma, questa è una mia prima descrizione, anche se ritengo che valga la pena conoscermi di persona e frequentarmi per un po’, così da poter approfondire meglio le mie caratteristiche!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here