Palazzo Barbieri, un’icona veronese

Famoso al giorno d’oggi principalmente per le sue funzioni amministrative, Palazzo Barbieri, collocato nel cuore di Verona, è un edificio simbolico anche per la sua storia e architettura.

0
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

(di Alice Lanza, Matilde Chini e Lavinia Salvatore) Durante una visita in esterna della nostra Redazione, ci siamo soffermati davanti a Palazzo Barbieri. Eretto tra il 1836 al 1848, questa struttura è una maestosa costruzione situata in piazza Bra, una delle più significative piazze di Verona. Nel corso della sua storia subì molti cambiamenti: inizialmente usato come caserma militare austriaca, gli sono state applicate, dopo i bombardamenti della Seconda Guerra mondiale, molte e importanti modifiche nel corso degli anni successivi.

La sua forma, che ricorda un tempio romano, unita anche alle raffinate decorazioni e alla cura dei dettagli, dona alla struttura l’equilibrio e l’eleganza tipici dello stile neoclassico.

Sulle ali laterali sono poi presenti mezze colonne in stile corinzio, che conferiscono all’edificio uno stile quasi monumentale.

Inoltre al suo interno va segnalata in particolare la Sala Arazzi, situata nel palazzo nobile, dove si trovano due grandi capolavori della fine del Cinquecento: “La vittoria dei Veronesi a Vaccaldo su Federico Barbarossa”, opera di Paolo Farinati, e”Cena in casa Levi” o “Cena in casa del Fariseo”, opera della Bottega di Paolo Caliari, detto il Veronese, e la Sala del Consiglio, con l’illustrazione della tela “Vittoria dei Veronesi sui Benacensi”, opera di Felice Riccio e con l’affresco “Cristo croficisso tra la Madonna e San Giovanni”, di cui però l’autore è ignoto. 

L’ importanza di Palazzo Barbieri risiede, però, nella sua funzione di sede municipale, dove vengono prese decisioni che influenzano la vita quotidiana dei cittadini veronesi: proprio in tale edificio sono infatti tenute le riunioni del consiglio comunale, le discussioni politiche e urbane e le organizzazioni degli eventi culturali.

Oltre ad avere un’importante funzione istituzionale, tale struttura è un punto di riferimento per la comunità locale: è proprio presso Palazzo Barbieri che spesso si organizzano manifestazioni e proteste pacifiche, riguardanti problematiche comuni ai vari cittadini.

In sostanza, l’importanza di questa struttura è data dal fatto che, anche perché situata in una delle piazze più importanti della città, è stata ed è tuttora testimone di numerosi eventi che hanno plasmato il destino di Verona e finisce per rappresentare quasi una finestra sulla storia e sulla cultura della città: va considerata, dunque, un vero e proprio simbolo dell’identità di Verona!

Previous articleUn viaggio nell’anima di Verona
Next articleGli studi di Mediaset accolgono la V ginnasio
Alice Lanza
Mi chiamo Alice, ho 14 anni e frequento a Verona la quinta ginnasio all’istituto “Alle Stimate”. Diciamo che prediligo studiare, avendo tra l’altro scelto il liceo classico, le materie umanistiche, ma, non disdegno neanche quelle scientifiche. Ovviamente il periodo delle vacanze mi rende più felice e mi fa sentire più libera e solare, permettendomi di avere più tempo a disposizione per i miei amici, che posso frequentare per tante ore al giorno. Gli sport sono la mia passione. In particolare, adoro surfare, planando sulle onde del mare di Bibione o di Gallipoli, che sono le due località dove trascorro fin da piccola la maggior parte delle mie vacanze estive. Sono, però, una persona che adora le novità e, proprio per questo, amo viaggiare e visitare posti sempre diversi, conoscendo, magari, anche persone nuove. Anche il tennis mi piace molto, ma, se mi capita, preferisco ancor di più fare lunghe passeggiate in bicicletta nelle campagne vicine alla mia città, fermandomi ogni tanto ad osservare il bel paesaggio circostante. Mi descriverei anche amante della musica, visto che l’ascolto appena ho un attimo di libertà e di tranquillità. Mi piace, poi, la buona cucina, anche se solo alcune pietanze mi attraggono, non osando neppure assaggiare ciò di cui, già a prima vista, non mi ispira l’aspetto. Insomma, questa è una mia prima descrizione, anche se ritengo che valga la pena conoscermi di persona e frequentarmi per un po’, così da poter approfondire meglio le mie caratteristiche!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here