Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Alle scuole “Alle Stimate” di Verona la sera del 7 marzo si è tenuta una conferenza riguardante la vita di una padre, Gianpietro Ghidini, solcata da un’enorme cicatrice che è quella della perdita del figlio Emanuele. A parlare durante l’incontro sono stati proprio Gianpietro Ghidini e Tony Bertasio, il padre del migliore amico di Emanuele, raccontando la loro storia e aiutando numerosi genitori a capire come relazionarsi con i propri figli.

Più di 1400 incontri in cinque anni sono stati tenuti da Ghidini, il fondatore dell’associazione Ema Pesciolino Rosso, che si occupa di tenere incontri per tutta l’Italia affinché ci sia un sostegno verso i giovani in forma di divulgazione e siano supportate attività di crescita e di sviluppo.

La fondazione Ema Pesciolino Rosso

Nei suo incontri Ghidini racconta di come il dolore sia diventato parte di lui dopo la notte del 24 novembre 2013, durante la quale il figlio Emanuele, dopo aver assunto LSD e in preda ad allucinazioni, si è buttato da un ponte sul fiume Chiese, che quella sera era in piena, a Gavardo, in provincia di Brescia, comune nel quale risiedeva.

Spiega come, dopo aver sognato il figlio, sia riuscito a smettere di combattere “contro” questo profondo dolore per iniziare invece a combatterci “assieme” e fondare quindi l’associazione Ema Pesciolino Rosso per portare avanti il ricordo e l’amore verso suo figlio.

Giovedì scorso Gianpietro ha fornito diversi consigli ai tanti genitori presenti, con particolare riferimento ai metodi di relazionarsi e approcciare con i propri figli.

Un intervento ulteriore è stato quello di Tony Bertasio, che racconta come suo figlio abbia sofferto dopo la scomparsa del migliore amico, ritrovato annegato nelle fredde acque del fiume dopo 10 ore dall’accaduto, e di come anche lui stesso, come uomo e padre, abbia provato dolore per la sofferenza del figlio.

“Lasciami volare papà” e “Era tutto perfetto” sono i due libri scritti da Ghidini nei quali è narrata la sua storia e quella di Emanuele.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here