Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Tanto tempo è passato da quando, nel 2011, la serie televisiva Game of Thrones debuttò negli Stati Uniti sul canale televisivo via cavo HBO. All’epoca il programma era ancora poco conosciuto e non ci si aspettava il grande successo che avrebbe poi avuto. Oggi, nel 2019, la serie è arrivata alla sua ottava stagione, attesa con ansia in tutto il mondo e i suoi fan sono milioni. Attendendone l’uscita, che è programmata in Italia per il 15 di aprile, un giorno dopo gli Stati Uniti, ripercorriamo in breve la storia della serie.

Innegabili protagonisti di questa sono i due showrunner David Benioff e D.B. Weiss e colui che per primo ha concepito la storia su cui si basa la serie, George R.R. Martin. Lo scrittore, autore della serie di romanzi “Cronache del ghiaccio e del fuoco”, aveva ricevuto diverse proposte di adattamenti cinematografici per la sua opera, ma aveva sempre rifiutato, dal momento che un film non sarebbe bastato per contenere la trama e il grande schermo non sarebbe nemmeno stato adatto alle numerose scene di sesso e violenza, difficilmente ammesse sul mercato cinematografico.

Così, dopo molti produttori cinematografici a cui erano stati negati i diritti per trasporre l’opera, nel 2006 entrarono in gioco David Benioff e D.B. Weiss. Dopo aver letto il primo romanzo della saga, “Il gioco del trono”, ed esserne rimasto profondamente colpito Benioff chiamò dunque Weiss, condividendo il suo entusiasmo e portando il collega a leggere quel libro lungo un migliaio di pagine in un tempo brevissimo, “quasi 36 ore”. I due sceneggiatori presentarono allora il progetto alla rete televisiva via cavo HBO e convinsero Martin nel corso di un incontro durato cinque ore a parteciparvi. Benioff affermò che guadagnarono la fiducia dell’autore con la loro risposta alla domanda: “Chi è la madre di Jon Snow?”.

Il 16 gennaio 2007 il settimanale Variety segnalò l’acquisto da parte dell’emittente televisiva statunitense HBO dei diritti per un adattamento della saga sul piccolo schermo. Scritta e prodotta da Benioff e Weiss, la serie venne concepita in modo da coprire un romanzo per stagione; George R. R. Martin venne coinvolto come co-produttore esecutivo e sceneggiatore di un episodio per ciascuna stagione. Nel giugno 2008 Martin affermò sul suo blog che la seconda stesura del copione era terminata, ma che HBO non aveva ancora deciso quale sarebbe stato il destino della serie. Nel novembre 2008 il blog di Martin riportò che HBO aveva commissionato la realizzazione di un episodio pilota e nel luglio 2009 l’emittente annunciò i primi nomi del cast. L’episodio pilota prodotto riuscì a convincere HBO che ordinò altri nove episodi della serie TV. Il debutto venne fissato per il 17 aprile 2011. La prima stagione fu candidata a 13 Emmy Awards, vincendone infine due, uno per i suoi titoli di apertura e l’altro per Peter Dinklage come miglior attore non protagonista.

La serie è andata avanti da allora, acquisendo un sempre maggiore numero di fan, fino a quando Martin ha annunciato, nel luglio del 2014, che non avrebbe firmato la sceneggiatura di nessun episodio della quinta stagione, giustificando la scelta con la frase:”Ho un libro da finire”. Martin si riferiva al sesto volume della saga “The Winds of Winter”. In data 29 maggio 2015, Entertainment Weekly annunciò che Martin non avrebbe scritto alcun episodio nemmeno per la sesta stagione per gli stessi motivi espressi a luglio dell’anno precedente. Martin non ha collaborato neppure alla stesura delle sceneggiature della settima e dell’ottava stagione.

Ma la serie è continuata, purtroppo o per fortuna, anche senza di lui: l’8 aprile 2014, in seguito al record di ascolti ottenuto dalla première della quarta stagione, la serie venne rinnovata per una quinta e una sesta stagione. In data 21 aprile 2016, HBO rinnovò la serie per una settima stagione. E il 30 luglio 2016, fu confermata infine anche la produzione dell’ottava e ultima stagione dal presidente della programmazione HBO Casey Bloys.

La seconda stagione di dieci episodi, basata sul secondo romanzo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco, Lo scontro dei re (A Clash of Kings), iniziò a essere trasmessa il 1º aprile 2012, sempre sul canale dell’HBO statunitense. La seconda stagione è stata candidata a 12 Emmy Awards, tra cui un’altra nomination come miglior attore non protagonista per Dinklage (Tyrion Lannister). La stagione ha vinto sei di questi Emmy nelle categorie sulle arti tecniche, che furono premiate la settimana prima della regolare cerimonia di premiazione televisiva del 2012. Sono poi seguite le altre cinque stagioni trasmesse sempre da HBO e apprezzate, alcune più altre meno, dalla critica e dai fan. In particolare l’apprezzamento dei critici ha cominciato a scemare dopo la quinta stagione. La terza stagione è stata trasmessa dal 31 marzo al 9 giugno 2013, la quarta stagione dal 6 aprile al 15 giugno 2014, la quinta dal 12 aprile al 14 giugno 2015, la sesta dal 24 aprile al 26 giugno 2016 e infine la settima è stata trasmessa dal 16 luglio al 27 agosto 2017. L’ultima stagione si avvicina, Winter is coming.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here