Francesca Manzini e la sua storia difficile (ora passata)

Contenta di essere la nuova conduttrice di “Striscia la Notizia”, racconta a tutti il suo passato che non dimenticherà facilmente.

Tempo di lettura articolo: < 1 minute

E’ felice perché da poco tempo è diventata la nuova presentatrice, assieme a Gerry Scotti, del TG satirico Striscia la notizia. Eppure Francesca Manzini, 29 anni, ha avuto un’infanzia difficile che a 18 anni l’ha portata ad ammalarsi per tre mesi di anoressia arrivando a pesare solo 47 chili e subito dopo di bulimia per sei anni.

Infatti i suoi genitori, soprattutto il padre, non ci sono mai stati per lei. Ha dovuto affrontare tutto da sola, aveva iniziato a bere alcool e non solo, c’è stata violenza psicologica e suo padre l’ha sempre considerata un fallimento.

Ha frequentato gente brutta e vissuto momenti veramente pessimi nella sua vita, lasciandosi andare.

L’abbandono l’ha portata davanti a situazioni pericolose: «Può succedere di pensare a gesti estremi, non avere una famiglia e vivere non è una ca**ata» così Francesca approfitta di un’intervista a “Verissimo” per raccontare e trasmettere a tutti quello che ha imparato per riuscire a superare la malattia e tutti i problemi incontrati durante la sua vita.

Durante l’intervista le viene chiesto se è riuscita a recuperare i rapporti con il padre, lei risponde che ha recuperato il recuperabile, lei non lo odia perchè l’ha fatta diventare quello che ad oggi è: una donna forte, che sa come affrontare la vita e viverla davvero nonostante quel lutto che ha nei confronti del padre ancora vivo ma mancante nella sua vita.

Articolo precedenteIrina Shayk e Riccardo Tisci, nuova coppia dell’anno?
Articolo successivoGiovanni Muciaccia è tornato in tv
Mi chiamo Lavinia Destro, ho quindici anni e vivo a Verona, in centro città. Sono una ragazza molto socievole e mi piace conoscere persone nuove. Credo molto nell’amicizia e, a mio parere, avere degli amici è una delle cose migliori della vita. Sono molto dolce ed affettuosa. I miei hobby sono cantare e suonare il pianoforte. La musica per me è indispensabile: passo ore ad ascoltarla, cantarla e suonarla. Come sport fino all’anno scorso praticavo danza, precisamente hip-hop e durante l’inverno pratico sci. Frequento il liceo classico alle Stimate e ho scelto questo indirizzo perchè mi piacciono molto le materie umanistiche, soprattutto l’italiano e spero che questo tipo di scuola mi aiuti a realizzare quello che vorrei diventare da grande. Vorrei infatti fare il medico come i miei genitori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here