Tempo di lettura articolo: < 1 minute

La Bologna Children’s Book Fair, che quest’anno avrebbe festeggiato la 57a edizione, decide di non arrendersi al Coronavirus. 

Dedicata all’editoria per l’infanzia è una delle più importanti fiere del settore a livello internazionale, e coinvolge la partecipazione di più di 80 paesi, 1500 espositori, 250 conferenze e 12 mostre. 

Lo scopo di questo evento è avvicinarsi alla cultura e scoprire nuovi talenti letterari ed editoriali; Infatti una delle iniziative proposte è la Mostra degli Illustratori, piattaforma di lancio per giovani artisti. Ogni anno viene scelto un Paese ospite d’onore, che ha l’opportunità di far conoscere i propri talenti e godere di un’ampia visibilità grazie ai percorsi espositivi e alle tavole rotonde a tema. 

Quest’anno la fiera era programmata per la settimana del 30 Marzo, ma a causa dell’epidemia in corso, è stata annullata. Però gli organizzatori non si sono dati per vinti: hanno pensato di dare vita a una fiera “on-line” dove trasmettere i contenuti e le presentazioni della manifestazione. 

In via di aggiornamento il nuovo programma prevederà premiazioni, illustrazioni e conferenze con alcuni degli esponenti dei paesi ospiti come Sharjah, l’Ospite d’Onore 2020.

Con questa iniziativa innovativa, Bologna Fiere ci ricorda l’importanza di non arrendersi e ci incoraggia a trovare metodi alternativi in questo momento così difficile. 

Articolo precedente1 aprile: la giornata delle burle
Articolo successivoL’asta record in onore di Banksy
Sono una studentessa al secondo anno di liceo classico alle Stimate, mi chiamo Mariavittoria e abito nella provincia di Verona. Sono una persona solare e cerco sempre il lato positivo delle cose, mi piace contagiare gli altri con l’entusiasmo e vedere in loro la serenità che provo a trasmettere. Nel tempo libero mi piace disegnare, ascoltare musica di vari generi e trovare sempre nuovi passatempi, ma più di tutto mi piace dormire. Pratico uno sport a livello agonistico tre volte a settimana e partecipo a diversi corsi extrascolastici. Il fine settimana (oltre a dormire molto) cerco di “staccare la spina” dalla frenesia di tutti i giorni e mi distraggo uscendo con gli amici e guardando serie tv. Non ho un’idea precisa su un eventuale professione dopo gli studi, ma ciò a cui aspiro è trovare un lavoro che mi piaccia e, soprattutto, che mi permetta di viaggiare il più possibile. Mi piacerebbe molto fare l’esperienza di studio all’estero durante il liceo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here