La natura, anche nel caso delle piscine termali di Pamukkale, in Turchia, offre uno spettacolo unico ed inimitabile: enormi terrazze poste su più livelli di colore bianco candido simile al marmo, accolgono piccole piscine contenenti acque termali, dove immergersi, ammirando un paesaggio da sogno. 

Molti paragonano questo posto insolito e stupendo a a campi di cotone o addirittura a delle nuvole, infatti, non a caso il sito è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. 

L’acqua delle piscine termali di Pamukkale è una sorta di elisir contenente una seria di benefici ed offre trattamenti assolutamente efficaci, con lo scopo di recuperare l’energia, equilibrio e serenità, a contatto con questa bellezza della natura. 

Queste acque vengono anche convogliate nelle piscine delle strutture termali moderne, in cui troviamo una varietà di trattamenti anche più sofisticati.

Le piscine termali di Pamukkale

Tuttavia le terme non sono l’unica ragione per visitare Pamukkale, infatti, a poca distanza si  trovano i resti della città di Hierapolis, distrutta da un terremoto, durante l’impero di Nerone e si possono visitare le rovine archeologiche e le ricostruzioni successive (di epoca romana) ed ammirare luoghi sacri, fontane, teatri e tanti altri edifici costruiti dagli antichi.

Le acque termali di Pamukkale contengono idrocarbonato, zolfo, calcio, biossido di carbonio e ferro ed ha una temperatura che si aggira intorno ai 35º, ma nello specifico si riscontrano benefici per il cuore, offrendo un aiuto per la risoluzione di problemi di circolazione, digestione o reumatici. 

Insomma è un vero e proprio luogo da favola, sicuramente anche questo rientra in una delle mete più belle da visitare almeno una volta nella vita (non appena finisce questo periodo particolare causato dal Covid-19)  in quanto il benessere del corpo passa quasi in secondo piano, davanti a tanta bellezza, che è pura opera della natura.

Articolo precedenteEd è oro per Kostornaia
Articolo successivo“Cambiare l’acqua ai fiori”: un libro scaccia stress
Carola Rigodanza
Vivo a Negrar, in provincia di Verona. Frequento la quinta ginnasio al liceo classico all’istituto “Alle Stimate”. Ho scelto questo tipo di percorso poiché le materie classiche mi affascinano molto e le trovo interessanti e credo di essere anche più portata rispetto alle materie scientifiche. Le mie preferite sono: Epica e Storia. Pratico pattinaggio artistico sul ghiaccio. Mi ritengo una persona abbastanza estroversa, lunatica e dinamica. Il mio colore preferito è il blu. In futuro mi piacerebbe lavorare nel mondo dell’archeologia poiché tutto ciò che riguarda l’antichità mi affascina e incuriosisce. In alternativa mi piacerebbe diventare dentista.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here