Tempo di lettura articolo: 9 minuti
Listen to the reading of the article
By Camilla Fezzi
LONDON, U.K.

Cities will save us, experts argue. Higher densities of people mean less energy consumption and lower carbon emissions: a very big help for the environment, as people switch from driving cars to using public transportation, for instance. Consequently, by increasing the population density within cities, the production of harmful materials and products will decrease, and the world will be more fair trade.

LOS ANGELES DOWN TOWN, U.S.A.

We live in an increasingly urban world, which is shaping our environments and our future. Currently, over half of the global population live in cities, and it is estimated that this percentage will rise to 70% by 2050. Cities are both the culprits and the source of innovative solutions to megatrends, such as climate change. So, as existing cities grow bigger, and new cities are formed, sustainable urbanization is key for a healthy planet. Displaced populations are also part of this trend of increasing urbanization, as 60% and 80% of all refugees and IDPs (internally displaced person) respectively, live in urban areas. More and more refugees and IDPs are moving into urban areas to avoid camp settings that may lack opportunities, such as employment and access to services.

BEIJING, CHINA

As cities change and constantly morph along with people’s needs and demands, they find it more difficult to deliver services to their citizens in scale and on time, which calls for even more innovative solutions.

Urban areas that are already dense and have the necessary green infrastructure, such as New York City, for instance, with Central Park, will see their per capita emissions decline as they grow larger.  One of the biggest problem of big cities is at the heart of the North-South divide. If the Government is to ‘level up’ the economy, then it needs to tackle this major economic problem.

A head-scratching issue amongst urban economists in the UK is that, unlike many other developed economies, UK cities do not become more productive as they get bigger.

VIEW OF DUBAI BY NIGHT, UNITED ARAB EMIRATES

So, which are the linkers between a city size and its productivity?

One is learning, in terms of access to knowledge, through either the creation or sharing of it through face-to-face interactions. Another one is sharing, with references to infrastructure (e.g. roads), inputs and supply chains. Research: finding potential workers.

There is a number of costs to being based in cities too, such as higher commercial space rents, congestion and pollution, which are not as large as in no-urban zones. In principle, these benefits and costs increase with the size of a city, a process known as agglomeration, as larger cities give access to greater amounts of knowledge, spread the costs of shared infrastructure across a larger number of people, and give businesses access to a workers a greater variety of jobs.

how do bigger and bigger cities develop?
SKYLINE OF NEW YORK, U.S.A.

In fact, when the population density increases, an immediate consequence is also the production that increases, not often coinciding with the needs of the population.

Defining areas surrounding cities

Surrounding areas are no-urban areas which are considered to fall within the travel-to-work area of cities. This varies from city to city, and it is determined by the average distance that workers, living outside of a city, travels to get to their place of work in the city, calculated using data from the last Census. For example, the average travel catchment for London is equal to 63km.

What this change in measurement does not address though is the underperformance of most of the UK’s large cities. Cities such as Manchester, Birmingham and Glasgow remain at the bottom of the chart, when they should be closer to London in rank. They continue to have productivity levels well below what is expected of cities of their scale, and are not playing the role that cities such as Lyon, Munich and Cologne do.

CITY OF MEXICO, MEXICO

An efficient public transport system is needed to link people to jobs in cities, particularly those ones in city centres. This is one of the most important elements, as in the suburbs of London or New York many people are forced to take public transport every day, so also this sector must develop, so, as to bring an important urban connection.

What needs to be changed

While there has been a justified discussion on the struggles of the so-called ‘left behind’ towns in recent months, it is the underperformance of our big cities that affects the largest number of people and has the biggest drag on the national economy. The UK is an anomaly in this respect. Without addressing this, the Government will not be able to ‘level up’ the performance of different parts of the country.

TORONTO, CANADA

The focus of politics should be to improve the benefits that big cities, in particular, offer to businesses. They should have to offer more attractive spaces to do business, particularly in their city centres, giving access to a large pool of skilled potential workers, and connect these workers to jobs through a well-functioning transport system.

  • Focus on the city-centre economy of big cities in particular, ensuring there is sufficient commercial space for business.
  •  Prioritise the improvement of skills of residents, with particular focus on improving maths and English skills for those workers lacking them, and improving school performance for the next generations.
  • Improve the performance of the public transport network within and around the cities, using bus franchising powers where available.
  • Extend mayoral devolution deals to cover big cities that currently do not have them, and extend the powers of existing mayors to at least match the powers of the Mayor of London.
  • Negotiate multi-year sharing budjets with mayors, giving them full control about how this money is spent in their area and the ability to plan over a number of years.
How big can cities get? Watch the video!

TRADUZIONE DELL’ARTICOLO

MADRID, SPAIN

Città sempre più grandi

Le città ci salveranno, sostengono gli esperti. Densità di persone più elevate significano minor consumo di energia e minori emissioni di anidride carbonica: un grande aiuto per l’ambiente, ad esempio, poiché le persone passano dalla guida dell’auto all’utilizzo dei mezzi pubblici. Di conseguenza, aumentando la densità di popolazione all’interno delle città, la produzione di materiali e prodotti nocivi diminuirà e il mondo sarà più equosolidale.

Viviamo in un mondo sempre più urbano, che sta plasmando i nostri ambienti e il nostro futuro. Attualmente, oltre la metà della popolazione mondiale vive nelle città e si stima che questa percentuale salirà al 70% entro il 2050. Le città sono sia le colpevoli che la fonte di soluzioni innovative ai megatrend, come il cambiamento climatico.

MIAMI, U.S.A.

Quindi, man mano che le città esistenti si ingrandiscono e si formano nuove città, l’urbanizzazione sostenibile è la chiave per un pianeta sano. Anche le popolazioni sfollate fanno parte di questa tendenza all’aumento dell’urbanizzazione, poiché il 60% e l’80% di tutti i rifugiati e gli sfollati interni, rispettivamente, vive in aree urbane. Sempre più rifugiati e sfollati interni si stanno spostando nelle aree urbane per evitare le strutture dei campi che potrebbero non avere opportunità, come l’occupazione e l’accesso ai servizi.

Poiché le città cambiano e si trasformano costantemente in base alle esigenze e alle richieste delle persone, trovano più difficile fornire servizi ai propri cittadini su larga scala e puntuali, il che richiede soluzioni ancora più innovative.

Le aree urbane che sono già dense e dispongono delle infrastrutture verdi necessarie, come New York City, ad esempio, con Central Park, vedranno le loro emissioni pro capite diminuire man mano che aumentano. Uno dei maggiori problemi delle grandi città è al centro del divario nord-sud. Se il governo vuole “far salire di livello” l’economia, deve affrontare questo grave problema economico.

TOKYO, JAPAN

Un problema che scuote la testa tra gli economisti urbani del Regno Unito è che, a differenza di molte altre economie sviluppate, le città britanniche non diventano più produttive man mano che si ingrandiscono.

Quindi, quali sono i collegamenti tra le dimensioni di una città e la sua produttività?

BROOKLYN BRIDGE, NEW YORK CITY, U.S.A.

Uno è l‘apprendimento, in termini di accesso alla conoscenza, attraverso la creazione o la condivisione di essa attraverso interazioni faccia a faccia. Un altro è la condivisione, con riferimenti a infrastrutture (es. Strade), input e filiere. Ricerca: trovare potenziali lavoratori.

Anche la sede nelle città comporta una serie di costi, come gli affitti di spazi commerciali più elevati, la congestione e l’inquinamento, che non sono così grandi come nelle zone non urbane. In linea di principio, questi vantaggi e costi aumentano con le dimensioni di una città, un processo noto come agglomerazione, poiché le città più grandi danno accesso a maggiori quantità di conoscenza, distribuiscono i costi delle infrastrutture condivise su un numero maggiore di persone e danno alle imprese l’accesso a lavoratori per una maggiore varietà di lavori.

All’aumentare della densità di popolazione, infatti, una conseguenza immediata è anche la produzione che aumenta, non spesso coincidendo con i bisogni della popolazione.

Definizione delle aree circostanti le città

SYDNEY OPERA HOUSE, AUSTRALIA

Le aree circostanti sono aree non urbane che sono considerate rientrare nell’area del viaggio verso il lavoro delle città. Questo varia da città a città, ed è determinato dalla distanza media che i lavoratori, che vivono fuori città, percorrono per recarsi al loro posto di lavoro in città, calcolata utilizzando i dati dell’ultimo censimento. Ad esempio, il bacino medio di viaggio per Londra è pari a 63 km.

Ciò che questo cambiamento nella misurazione non affronta, tuttavia, è la sotto-performance della maggior parte delle grandi città del Regno Unito. Città come Manchester, Birmingham e Glasgow rimangono in fondo alla classifica, quando dovrebbero essere più vicine a Londra. Continuano ad avere livelli di produttività ben al di sotto di quanto ci si aspetta dalle città della loro scala e non svolgono il ruolo che hanno città come Lione, Monaco e Colonia.

SHANGHAI, CHINA

È necessario un sistema di trasporto pubblico efficiente per collegare le persone ai posti di lavoro nelle città, in particolare quelli nei centri urbani. Questo è uno degli elementi più importanti, in quanto nelle periferie di Londra o New York molte persone sono costrette a prendere i mezzi pubblici ogni giorno, quindi anche questo settore deve svilupparsi, in modo da portare un importante collegamento urbano.

Cosa deve cambiare

SINGAPORE

Anche se negli ultimi mesi c’è stata una discussione giustificata sulle lotte delle città cosiddette “lasciate indietro”, è la scarsa performance delle nostre grandi città che colpisce il maggior numero di persone e ha il maggiore freno per l’economia nazionale. Il Regno Unito è un’anomalia in questo senso. Senza affrontare questo problema, il governo non sarà in grado di “aumentare di livello” le prestazioni di diverse parti del paese.

RIO DE JANEIRO, BRASIL

L’obiettivo della politica deve essere quello di migliorare i vantaggi che le grandi città in particolare offrono alle imprese. Devono offrire spazi più attraenti per fare affari, in particolare nei loro centri urbani, offrire l’accesso a un ampio pool di lavoratori potenziali qualificati e collegare questi lavoratori al lavoro attraverso un sistema di trasporti ben funzionante.

Concentrarsi sull’economia del centro cittadino delle grandi città in particolare, assicurandosi che vi sia spazio commerciale sufficiente per le imprese.

ROME, ITALY

– Dare priorità al miglioramento delle competenze dei residenti, con particolare attenzione al miglioramento delle competenze matematiche e inglesi per i lavoratori che ne sono privi e al miglioramento del rendimento scolastico per la generazione successiva.

Migliorare le prestazioni della rete di trasporto pubblico all’interno e intorno alle città, utilizzando i poteri di franchising di autobus ove disponibili.

Estendere gli accordi di devoluzione del sindaco alle grandi città che attualmente non li hanno ed estendere i poteri dei sindaci esistenti almeno per eguagliare i poteri del sindaco di Londra.

Negoziare bilanci di condivisione pluriennali con i sindaci, dando loro il pieno controllo su come questi soldi vengono spesi nella loro area e la capacità di pianificare per un certo numero di anni.

A video explaining which are the largest cities in the world

Articolo precedente“Carpe diem”: fuga da un destino spietato
Articolo successivoUltimo giorno di scuola… e di DAD?
Amo il mio nome, dotato di una duplice sfaccettatura: dolce e affettuosa, ma, al contempo, forte e decisa. Mi chiamo Camilla e il mio carattere rispecchia questa duplicità. Amo scrivere e leggere romanzi, anche storici, perché possono farci vivere momenti di vita passata da non dimenticare. Però i libri fantasy e di fantascienza mi hanno aperto le ali della fantasia, portandomi a trovare sublime anche la più minuziosa descrizione. Amo l’aria aperta, vivere ciò che può essere vissuto, percepire il vento sulle guance e i raggi solari che si intrecciano alle ciglia. Mi piace l’attività fisica: da cinque anni pratico tennis, seppur la mia carriera sportiva nasca con la danza classica e la pallacanestro. Suono il pianoforte che, al pari di me, è dotato di note alte e basse, tasti bianchi e neri. Apprezzo tutte le materie nelle loro diversità: da quelle umanistiche centrate sul pensiero, la filosofia e l’animo umano fino a quelle scientifiche che con numeri e formule ci portano alla statistica, al concetto illuminista e alla ragione. Avere 15 anni vuol dire trovarsi nell’inquieta adolescenza, da attraversare e vivere cercando di trovare ogni giorno la sfaccettatura migliore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here