Tempo di lettura articolo: 3 minuti
Prima autofalciatrice della SAME realizzata nel 1942

Macchinario fondamentale per la cura e la coltivazione dei terreni è il trattore. Si tratta di una macchina agricola proposta per la prima volta in Italia, nel 1927, da due fratelli, Francesco ed Eugenio Cassani. I due progettarono e realizzarono la loro idea, costruendo passo dopo passo un trattore agricolo, dotato di 40 cavalli, motore Diesel e trasmissione a quattro marce, che fu chiamato 40 CV Cassani.

La macchina agricola riscontrò un tale successo che nel 1942 i due fratelli fondarono una nuova società, la SAME, in grado di fabbricare motori a Diesel e a scoppio per uso civile e industriale. L’anno stesso venne presentata alla Fiera di Milano la prima autofalciatrice a tre ruote, strumento che permetteva di facilitare il taglio del fieno, rendendolo lavoro più agevole e meno faticoso, senza l’utilizzo della falce a mano. Questo macchinario era alimentato a petrolio, ed era possibile collegarlo ad altre attrezzature agricole, diventando, in questo modo, “trattore universale”.

Primo trattore italiano progettato e ideato dai fratelli Cassani

Soltanto sei anni dopo, nel 1948, nacque il SAME 3R/10, trattorino universale dotato di 3 ruote, di cui due motrici, che trasmettevano il movimento, e soltanto una sterzante, che permetteva le curve. Venne premiato con la medaglia d’oro, mentre veniva definito “un gioiello dell’industria italiana”.

Per la prima volta, nel 1952, venne proposto un trattore dotato di sigla DA, Diesel Aria, che era provvisto, quindi, di raffreddamento ad aria. Questo era un sistema innovativo, che permetteva di mantenere costante la temperatura del motore, garantendone il corretto e regolare funzionamento. Iniziò subito la produzione di questa macchina agricola, che oltre al nuovo sistema, disponeva di quattro ruote motrici.

Modello SAME silver 100.6 dell’anno 2002

Verso la metà degli anni ’50 la SAME iniziò a produrre diversi attrezzi agricoli specifici, e cambiò il colore dei suoi trattori, dai vecchi macchinari arancioni con ruote verdi, alle macchine agricole dotate di carrozzeria e ruote rosse.

Fu nel 1972 che la SAME comprò la società Lamborghini trattori, introducendo nella propria produzione nuove tecnologie caratteristiche originarie della ditta acquisita. Qualche anno dopo l’azienda italiana si unì con una società tedesca, dando origine così al marchio SAME Deutz-Fahr.

Ancora oggi la società introduce nuovi modelli migliorandone man mano le caratteristiche principali, rendendo il trattore sempre più maneggevole ed affidabile, essendo pertanto una delle principali ditte italiane.  

SAME Audax ST
Articolo precedenteSport e quarantena, come fare? Ecco cinque esercizi da fare in casa
Articolo successivoL’uomo in cerca di senso
Ho quindici anni e provengo da Negrar di Valpolicella, un paese in provincia di Verona. Due anni fa ho deciso di intraprendere il cammino verso il liceo classico, questo non solo per la preferenza verso le materie umanistiche, ma per la voglia di scoprire ciò che caratterizzava le popolazioni antiche e di capirne la cultura. Matematica, epica e greco sono le materie che preferisco, mi danno, infatti, una possibilità maggiore di identificarmi in ciò che studio e in questo modo approfondirlo. La mia passione è stare all’aria aperta a contatto con gli animali, ritengo che essi riescano a capirci, talvolta anche meglio delle persone. Per quanto riguarda il mio futuro, non ho ancora progetti o disegni formati, spero dunque di trovare un lavoro che mi rappresenti e che riesca a darmi l’opportunità di lavorare bene e di apprezzare ciò che faccio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here