Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Il 2 febbraio sbarcherà su Disney + la serie “Pam & Tommy” che affronterà lo scandalo avvenuto a metà degli anni ‘90 che ha visto come protagonisti l’attrice di Baywatch Pamela Anderson e il batterista dei Mötley Crüe (nota glam/rock band Californiana) Tommy Lee.

La serie che è composta da otto puntate vedrà le prime tre disponibili dal 2 febbraio e le restanti a cadenza settimanale.

Pamela e Tommy erano una delle coppie più famose degli anni novanta ma sono diventati ancora più celebri dopo il dramma che li ha coinvolti alla fine della loro relazione.

Pam e Tommy si sono innamorati fin da subito tanto da decidere di sposarsi quattro quattro giorni dopo essersi conosciuti. 

Tommy Lee e Pamela Anderson

Nel 1996, a seguito del furto della cassaforte a casa dei coniugi Lee, viene scoperto un sex tape privato girato durante la luna di miele che viene messo in circolazione fino ad arrivare su internet.

A quel punto cose che dovevano rimanere segrete vengono mostrate a tutti esponendo la coppia alla gogna mediatica

La serie cerca di far conoscere uno dei primi fenomeni virali su internet mostrando quanto possa essere pericoloso compiere certe azioni. Importante riflessione viene fatta a proposito dell’invasionedella privacy, argomento significativo che oggi più che mai tocca tutti noi nel nostro quotidiano.

In seguito alla diffusione del video si viene a conoscenza del violento impatto che quest’ultimo ha avuto su Pamela Anderson e dell’umiliazione che ha dovuto subire in quanto donna. 

Craig Gillespie (già molto apprezzato per Tonya e Cruella) dirige in questa miniserie Sebastian Stan (che tutti ricordiamo come il soldato d’inverno dell’MCU) nel ruolo di Tommy Lee e Lily James (conosciuta grazie ai suoi ruoli in Yesterday e Cenerentola) nei panni di Pamela Anderson.

Dopo più di 25 anni dall’accaduto, con lo sviluppo esponenziale dei social media siamo ancora più vulnerabili e non sembriamo aver appreso la lezione. 

Ci porterà questa serie a riflettere e a capire quanto davvero siamo disposti a rischiare per un po ‘di divertimento? 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here