S’infrange il sogno di Cristiano Ronaldo

Con l’eliminazione del Portogallo dal mondiale in Qatar per la sconfitta subita contro il Marocco per 1-0, il sogno di alzare la coppa del mondo s’infrange per Ronaldo che sapeva sarebbe stata la sua ultima opportunità.

0
Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Il Portogallo esce ai quarti di finale e con lui anche Ronaldo, un eliminazione importante per CR7 perchè era il suo ultimo mondiale della sua carriera e sebbene abbia vinto cinque Champions League, un Europeo, una Nations League, cinque Palloni d’oro e sebbene sia stato tre volte campione d’Inghilterra, due volte campione di Spagna e due volte campione d’Italia e svariati altri riconoscimenti, per lui e come anche per molti altri giocatori il trofeo più desiderato rimane la Coppa del mondo che purtroppo per lui non è riuscito a vincere facendo rimanere così la vittoria iridata solo un sogno.

Cristiano Ronaldo con la nazionale portoghese

Ronaldo è reduce anche da un brutto periodo che ne ha determinato le prestazioni in campo: prima la perdita di un figlio e poi lo l’allontanamento dal Manchester United, per il quale ora è rimasto svincolato, ed in cerca di club ed ora anche la distruzione del sogno ambito da tutti i calciatori professionisti, la vittoria al Campionato del Mondo.

 Il motivo per il quale si dice che Cristiano non potrà giocare il prossimo mondiale nel 2026 è perchè in quell’anno avrà 41 anni, età verso la quale la carriera di un giocatore è praticamente finita.

 In sintesi, molti devono devono delle scuse a CR7, per quello che ha fatto nella sua carriera sia nel Portogallo sia nei diversi club in cui ha giocato ottenendo i riconoscimenti che prima abbiamo citato, in primis Santos, allenatore del Portogallo, che ha tenuto in panchina Cristiano nelle ultime due partite del suo ultimo mondiale.

Previous articlePochi giorni fa la Giornata mondiale dei diritti umani
Next articleScandalo: un altro giornalista morto in Qatar
Massimiliano Vincenti
Ciao, sono Massimiliano Vincenti, uno studente delle Stimate a Verona, frequento il liceo Classico, abito a San Bonifacio ed ho 14 anni. Gioco a calcio da quando avevo 5 anni, è da sempre la mia passione oltre a quella di viaggiare, sono stato a Parigi, Praga, Londra, Madrid, Istanbul, Berlino, Bordeaux, Innsbruck e Bruxelles. Ho scelto di fare il liceo classico perchè mi piacciono molto le materie classiche come greco e latino perché ci raccontano come vivevano gli antichi ed ho scelto di farlo a Verona perchè è una città che mi affascina oltre al fatto che anche mio papà ha fatto questa scuola in questa città. per andare a scuola alla mattina prendo il treno; non lo prendo affatto come qualcosa di noioso ma è un divertimento, guardare fuori dal finestrino è una cosa che faccio molto frequentemente e mi aiuta a passare il tempo durante il viaggio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here