Perché non si è dato fuoco alla “vecia” in Bra?

Questo venerdì 6 gennaio 2023 non si è svolta la tipica tradizione veronese riguardo il grande falò della befana. Ecco il motivo.

0
Tempo di lettura articolo: < 1 minute

In Piazza Bra, a Verona, lo scorso 6 gennaio non si è dato fuoco alla befana per gli effetti inquinanti che la combustione provoca in atmosfera. La decisione, arrivata dal Comune di Verona, fa riflettere molto: l’argomento “cambiamento climatico“, infatti, è attuale, e l’innalzamento delle temperature è ormai innegabile; anche a Capodanno si sono registrate delle temperature record in tutto il mondo.

E’ stata la prima volta che non si è celebrato il falò della vecia (tranne i due anni di sospensione per l’emergenza Covid), ma potrebbe essere la prima di tante altre volte vedendo, appunto, le condizioni dell’aria.

da Focus

Inoltre, già da alcuni giorni si è instaurato il divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa e non è consentito riscaldare determinati spazi delle abitazioni: garage, cantine e scale.

Il cambiamento climatico sta travolgendo l’intero pianeta e sembra quasi un punto di non ritorno anche se si stanno prendendo provvedimenti giusti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here