Al via gli Australian Open: chi sono i favoriti?

Inizia oggi il primo grande Slam dell'anno. Assente per infortunio il numero uno nel ranking Carlos Alcaraz, ma c'è Nadal. Ci sono anche tre italiani: Berrettini, Sinner e Musetti.

Matteo Berrettini
Matteo Berrettini
Tempo di lettura articolo: 2 minuti
Rafa Nadal

Come ogni anno, la stagione tennistica, per quanto riguarda gli Slam, parte dall’Australia, dove sono già in corso le qualificazioni degli Australian Open (il torneo vero e proprio avrà inizio oggi 16 gennaio). Alla griglia di partenza ci sono quasi tutti i volti più conosciuti del momento nel tennis mondiale, ma anche un grande assente: un infortunio ha infatti costretto al forfait il 19enne Carlos Alcaraz, attuale numero 1 del ranking e vincitore dell’ultimo slam disputato nella scorsa stagione. Rientra, invece, il tedesco Zverev (attualmente tredicesimo del ranking, ma nei top 5 prima del lungo stop) dopo il brutto infortunio subìto al Roland Garros 2022. 

Jannik Sinner

Come di consueto le teste di serie saranno i 32 tennisti meglio posizionati nel ranking ATP tra quelli presenti, e chi ha un piazzamento migliore come testa di serie potrà godere di avversari sulla carta più abbordabili almeno per i primi turni. 

In assenza di Alcaraz, la testa di serie numero 1 sarà l’intramontabile Nadal, campione in carica del torneo. Dopo di lui, il norvegese Ruud, il greco Tsitsipas, e il campione serbo Djokovic, pronto al ritorno agli Australian Open dopo la non partecipazione nel 2022 a causa della scelta di non vaccinarsi contro il covid-19. 

Tra le teste di serie sono presenti anche tre tennisti italiani, e in particolare su due di loro ci sono grandi aspettative: Jannik Sinner e Matteo Berrettini, teste di serie numero 14 e 15. Sono tutti e due alla ricerca del loro primo titolo di slam. Entrambi preferiscono le superfici veloci (cemento ed erba) alla terra rossa, e il cemento dei campi di Melbourne potrà essere loro di aiuto. 

Matteo Berrettini

Berrettini, infatti, si trova attualmente fuori dalla top 10 del ranking a causa di diversi infortuni che lo hanno tormentato per tutta la stagione scorsa, facendogli perdere diversi punti, ma quando il fisico lo ha sostenuto si è dimostrato al livello dei migliori del circuito, ad esempio raggiungendo la finale di Wimbledon 2022. Sinner è considerato ormai da un po’ uno dei giovani profili più interessanti del tennis mondiale, è in grado di esprimere un tennis di altissimo livello, e ha una grande solidità psicologica (cosa insolita per un tennista così giovane); tuttavia deve ancora trovare continuità nei risultati. Il terzo azzurro tra le teste di serie è Musetti, altro giovane di grande prospettiva, oggi 19esimo del ranking. Altri due italiani presenti al via sono Lorenzo Sonego e Fabio Fognini, fuori dalla lista delle teste di serie, ma entrambi sono stati capaci di exploit importanti nel corso della loro carriera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here