Tempo di lettura articolo: 2 minuti

Due scoperte che hanno lasciato molte più domande che risposte, un uomo sotto terra senza mani e a pochi metri da lui un delfino. I due corpi potrebbero avere un collegamento, come essere due elementi con nessun punto in comune, ma questo non si potrà mai sapere. Paul de Jersey è l’archeologo che ha fatto la scoperta nella costa ovest dell’isola dell’uomo alto 153 centimetri, con ambedue le mani mancanti e danni evidenti al cranio risalente al XVI secolo, accanto ad un tempio Bendettino. Il corpo è posizionato in direzione est-ovest, riconducibile ad una sepoltura cristiana. Non lontano da questo sito se ne trova un secondo, che invece tratterebbe reperti dell’Età della Pietra. Il fatto ha creato scalpore e gli storici ipotizzano che la stratificazione del terreno avesse cancellato ogni traccia del sito più antico.

Le coste di Guernsey Island

Il delfino ha dai 100 ai 200 anni in più e perciò i due elementi non possono essere collegati, oltre che allo stesso stupore che la sepoltura di un animale come il delfino non si era mai vista. «In 35 anni di carriera però non ho mai trovato un delfino sepolto intenzionalmente», ha ammesso de Jersey.

I misteri aumentano più gli archeologi cercano le risposte per i due ritrovamenti insoliti e rari. «Mistero fitto» confessano gli studiosi che da settimane non si danno pace.

Ora il sito è protetto dalle autorità dell’isola e gli scavi possono procedere indisturbati e in sicurezza, in cerca di risposte o di altre perplessità. E nel frattempo molti studiosi stanno indagando sulla faccenda cercando di risovere i pinti di domanda che si aggirano intorno a queste sepolture.

( foto in copertina: https://www.tripadvisor.co.uk/LocationPhotos-g186229-Guernsey_Channel_Islands.html#19830010)

 

Articolo precedenteKim-Jong-Un si prepara ad un nuovo incontro con Trump
Articolo successivoLa USS Hornet é stata ritrovata dopo quasi 80 anni
Sono un adolescente di 15 anni, nato in inghilterra da mamma italiana e padre inglese, abito nella provincia di Verona dal 2005 e frequento il liceo classico nella scuola paritaria alle Stimate. La scelta dell’indirizzo classico e` dovuta all’apertura mentale che ho e l’approccio con le materie umanistiche che ho sempre amato e coltivato fin da piccolo. Non solo latino e greco, ma anche scienze e matematica sono molto importanti per me. E` per questo che seppur non facendola come materia a scuola ho preso in prestito dei libri di fisica per approfondire la materia e per portare avanti anche i progetti che faccio con i miei amici. Ci piace costruire oggetti strani e passare tempo fuori all’aperto, ma anche il tempo per i videogiochi non manca. Ma oltre agli amici passo molto tempo ad allenarmi con la mia squadra di basket, con cui ho condiviso vittorie e sconfitte, tutte esperienze che hanno formato la persona che sono: simpatico, socievole e curioso. Non conosciamo la conformazione della maggior parte delle cose che ci circondano, per questo uno dei miei obiettivi e` conoscere più cose possibili per eliminare le mie incertezze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here