Tempo di lettura articolo: 3 minuti

Sin da quando Eva la colse e la addentò, macchiando l’intera umanità del cosiddetto “peccato originale” e scindendo sempre di più dal Paradiso, la mela è diventata l’emblema del frutto proibito. In verità nella Bibbia non vi è alcun riferimento specifico a una mela, ma semplicemente si parla di un generico frutto. Da dove derivi l’usanza di associare questo frutto ad una mela lo spiega Assan Yadin-Israel, professore di lettere e studi ebraici alla School of Arts and Sciences della Rutgers University (USA).

Nell’immagine Eva che porge ad Adamo il frutto proibito appena assaggiato.

Le origini della parola “malum”

“Il libro della Genesi non menziona mai l’identità del frutto proibito” spiega Yadin-Israel. «I primi commentatori ebrei e cristiani avanzarono diverse ipotesi: i candidati più popolari erano fichi e uva, ma anche melograno e cedro».

Dal XVII secolo in poi però gli studiosi iniziarono a ipotizzare che il famigerato frutto proibito fosse una mela: questa credenza derivava da un’omonimia presente nella lingua latina, nella quale la parola “malum” stava a significare sia “male” che “mela”. Se infatti il frutto citato nella Genesi determinò il crollo dell’umanità e la sua estromissione dall’Eden, quale miglior candidato al ruolo di malum?
Tuttavia questa teoria, spiega il professore, non è sostenuta dalle fonti latine: «Ho letto le opere di tutti i principali commentatori latini medievali al libro della Genesi, e praticamente nessuno fa riferimento a questo gioco di parole». Senza considerare che in realtà alla fine del XIV secolo non vi era ancora alcun commentatore che identificasse il frutto proibito con una mela, quando invece c’erano riferimenti a fichi e uva.

Il “pomum” della discordia, protagonista anche dell’Eneide

Nell’immagine vediamo Eva che prende il “frutto proibito” dall’albero della serpe.

Analizzando le rappresentazioni artistiche e grafiche della scena della caduta dell’uomo Yadin si accorse che la mela iniziò a comparire anche in molti dipinti francesi a partire dal XII secolo. “Perché?’” sorge spontaneo domandare. Il quesito trova una risposta significativa all’interno di un contesto più linguistico che storico: «Gli autori latini si riferivano comunemente al frutto proibito chiamandolo “pomum”, termine che sta per “frutto” o “frutto d’albero”».

Nelle prime traduzioni della Genesi in francese antico, lingua che deriva dal latino, la parola “pom” venne usata per tradurre il “pomum” latino. Se è corretto il significato di “frutto” attribuito al termine francese “pomme”, con il tempo questo mutò in mela. Così anziché mantenere il significato generico di “frutto”, da questo momento in poi anche il pom latino diventa mela, influenzando appunto la vicenda di Adamo ed Eva. E’ per questo che che, a seguito di evoluzioni linguistiche, la mela divenne per tutti l’emblema del frutto proibito che da un lato attraeva Eva, dall’altro la spaventava per la sua interdizione.

Nell’immagine vediamo ritratta la scena del giudizio di Paride: nella quale il giovane uomo è incaricato di porgere il pomo d’oro alla dea che riteneva più affascinante.

Lo stesso “pomo” che la dea Eris lanciò al banchetto di matrimonio di Peleo e Teti per vendicarsi dell’esclusione dal rito nuziale dei due. All’interno di questo mito, ancora una volta, riconosciamo questo frutto come oggetto di discordia, che ci rimanda all’altra interpretazione del termine stesso, ovvero al “male”, inducendo così da un lato Eva a macchiarsi del peccato originale e dall’altro Eris ad esprimere attraverso il “pomum” il suo desiderio di vendetta.

Previous articleIl Pi Greco Day è alle porte
Next articleFiorentina-Milan: Pioli viene fermato di nuovo
Angelica Osinenko
Vivo a Sant’Ambrogio di Valpolicella, in provincia di Verona. Mi ritengo una persona molto socievole, solare ma allo stesso tempo determinata e, a volte, testarda. Frequento la V ginnasio del liceo classico alle scuole Stimate. Ho scelto questo indirizzo perché da sempre nutro un vivo interesse per le materie umanistiche in particolare per la storia. Vedo, infatti, questa materia come un’ottima chiave di lettura del futuro: come possiamo comprendere ciò che succede ai giorni nostri se non conosciamo gli eventi trascorsi nel passato? Questo indirizzo credo sia stata la scelta migliore che potessi fare; ho infatti la possibilità di approfondire materie che già conosco e che mi appassionano e, al contempo di avvicinarmi alla cultura greca e latina imparando ad apprezzarne le sfumature che le rendono, a mio parere affascinanti. Nel tempo libero mi piace guardare film di avventura oppure uscire con gli amici. Sin da piccola pratico danza classica, disciplina che richiede molto impegno e dedizione ma che ha saputo regalarmi grandi soddisfazioni. Per quanto riguarda il mio futuro ho già le idee molto chiare, infatti, sogno da sempre di potermi realizzare nell’ambito giuridico andando quindi a toccare con mano quella che è la cultura legislativa odierna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here