Tempo di lettura articolo: 4 minuti

Dalla scoperta del suo talento arrivando fino al successo mondiale, soprattutto grazie alla canzone “Ma che freddo fa”, arriva sui grandi schermi “La bambina che non voleva cantare”. 

La serie tv “La bambina che non voleva cantare”

La cantante Nada al Festival di Sanremo nel 1969 (immagine presa da Amica)

La serie rivive la vita della cantante Nada, ed è ispirata a “Il mio cuore umano”, il libro biografico della cantante. La prima puntata è andata in onda il 10 marzo su Rai Uno, ma tutte le puntate, man mano che andranno in onda, saranno disponibili su RaiPlay in caso qualcuno non le riuscisse a vedere.

Il programma racconta la storia di una bambina che nei primi Anni Sessanta vive nella campagna toscana con la sua famiglia. Quando una suora (suor Margherita) scopre il talento della bambina, quest’ultima si convince che la sua voce può essere un modo per far felice la madre, la quale soffriva di depressione, per questo spesso lontana dalla famiglia e dal mondo.

Nada cresce così, accettando ciò che la madre desidera per lei: il suo talento come mezzo per un bene più grande.

Nel 1969, a soli sedici anni, sale per la prima volta sul palco dell’Ariston e anche se la sua canzone “Ma che freddo fa” non vince il Festival, diventa subito un gran successo.

La madre (Carolina Cresentini) e Nada (Tecla Insolia) (immagine presa da iO Donna)

Ma nel 1971 trionfa proprio al Festival di Sanremo con la canzone “il cuore è uno zingaro”. Così Nada riesce ad imporsi come uno dei personaggi di riferimento della musica italiana, poiché tutti scoprono la voce unica di quella bambina che non voleva cantare.

La protagonista Nada è interpretata dall’attrice e cantante Tecla Insolia. Probabilmente avete già sentito questo nome perché, l’anno scorso, la ragazza è arrivata seconda al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte e ha vinto Sanremo Young nel 2019 con il brano 8 marzo. Inoltre quest’anno è stata ospite al Festival di Sanremo. Mentre a interpretare la madre di Nada è Carolina Crescentini, amica della cantante.

Tecla Insolia dice così a proposito del suo personaggio: ”Il racconto di questo personaggio è molto travagliato, complesso ma anche leggero, stiamo pur sempre parlando di una bambina e di una adolescente. Nada inizia a cantare perché pensa sia una cura per la malattia di sua madre, vive questo rapporto con la musica molto complesso: non capisce se le piace quello che sta facendo o se lo fa solo per sua mamma. Alla fine comprende che quello è un mezzo per esprimere tutta la rabbia e i sentimenti che prova”.

La fiction “Leonardo”

Aidan Turner interpreta Leonardo da Vinci (immagine presa da Wonder Channel)

Dopo Nada, il 23 marzo arriverà, sempre su Rai Uno, “Leonardo”, serie composta da otto episodiincentrata sulla vita del grande genio. Basti pensare che per la realizzazione della fiction ci sono voluti oltre 50 location, 3000 comparse e più di 2500 costumi.

La serie racconta la storia di Leonardo da Vinci, il quale si dedicò all’arte, alla scienza e alla tecnologia, guidato da un intenso desiderio di svelare i segreti del mondo che lo circonda, sempre però con un certo distacco dalle convenzione del tempo.

Questa fiction non racconta solo la biografia bensì il mistero dell’uomo oltre il genio, attraverso una storia originale ma anche ricca di intrighi e passioni, che scava a fondo in una personalità complessa ed enigmatica svelandone la modernità ma anche una profonda umanità.

Leonardo da Vinci è interpretato da Aidan Turner, famoso per il suo ruolo in Lo Hobbit e in Poldark.

Leonardo Da Vinci (Aidan Turner) e Caterina da Cremona (Matilda De Angelis) (immagine presa da FirenzeToday)

Matilda De Angelis è Caterina da Cremona, musa e amica del genio Leonardo. L’attrice venticinquenne è stata ospite al Festival di Sanremo 2021. Ha interpretato alcuni ruoli in diversi film e serie tv tra cui “The Undoing – Le verità non dette” a fianco di Nicole Kidman e Hugh Grant. Al momento, invece, sta girando a Venezia il suo primo film made in Hollywood intitolato “Di là del fiume e tra gli alberi”.

Giancarlo Giannini invece interpreta il pittore e scultore Andrea del Verrocchio, maestro di Leonardo, noto tra i più giovani, oltre ai molti film che ha fatto, per un ruolo in due film del famigerato agente 007.

Quest’anno la Rai ha portato sul grande schermo diverse serie tv che oltre a divertire il pubblico mostrano anche un lato profondo delle storie che narrano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here