Gabrielle “Coco” Chanel

Chanel N°5 è stato creato nel 1921 e fin da subito è diventato un simbolo di femminilità e seduzione. È stato il profumo più venduto della storia, con più di 80 milioni di flaconi acquistati, ma perché viene ancora oggi considerato come una vera e propria icona?

Durante l’estate del 1921 Coco Chanel si trovava in vacanza sulla Costa Azzurra con il suo compagno del tempo, Dimitri Pavlovich

La stilista aspirava da tempo ad avere un profumo con sopra il suo nome, ma non all’aroma di rosa o di violette, che ormai caratterizzavano gli odori delle fragranze femminili. Infatti Mademoiselle Chanel voleva un profumo che odorasse di donna, perché una donna doveva sapere di donna e non di rosa.

Negozio di Chanel in Rue Cambon 31 (immagine presa da Pinterest)

Insomma il profumo firmato Chanel deve essere un profumo folgorante e in grado, come un abito, di sintetizzare la personalità di chi lo sceglie.

Così si rivolse al noto profumiere Ernest Beaux dicendo: «Non voglio nessun olezzo di rose o mughetto, voglio un profumo elaborato».

Due mesi dopo il profumiere andò a Parigi in Rue Cambon 31 dove presentò a Mademoiselle Gabrielle dieci campioni. Lei scelse il N°5 quello “sbagliato”. Infatti il quinto campione era nato da un errore di un assistente di Beaux che aveva aggiunto una dose eccessiva di aldeide (ha un odore simile al sapone e inoltre fa durare il profumo più a lungo). 

Pubblicità del profumo Chanel N°5 (immagine presa da Pinterest)

Proprio per questo motivo la fragranza ricordava l’odore del sapone sulle mani, quello della madre di Coco, lavandaia della Provenza. 

Era perfetto: il N°5 sapeva di donna, la donna Chanel. Il profumo contiene in realtà più di 80 ingredienti.

Si narra che dopo la scelta Coco Chanel portò a pranzo Beaux e mentre erano seduti al tavolo si spruzzò un po’ di profumo, da quel momento le donne in sala si diressero al tavolo desiderose di scoprire da dove arrivasse quella fragranza insolita.

Pierre Wertheimer e Coco Chanel (immagine presa da Alchetron)

Così alla stilista si aprirono le porte della produzione industriale di profumeria e per la prima volta nella storia una maison di moda aveva prodotto una fragranza.

Chanel N°5 debutta infatti definitivamente nel 1921 e riscuote un successo immediato. La stessa Coco Chanel disse: «Lancio la mia collezione il 5 maggio, il quinto mese dell’anno, lascerò che questo numero gli porti fortuna».

Più tardi, nel 1924, Mademoiselle firmò un contratto con Pierre Wertheimer, proprietario di Les Parfumeries Bourjois, la casa di cosmetica più famosa del tempo, e così fondò una nuova società chiamata Les Parfums Chanel.

Place Vendome Paris (immagine presa da Pinterest)

Il flacone del profumo N°5 lo disegnò la stessa Chanel, semplice e trasparente, così da poter far vedere il colore del liquido della fragranza, leggermente ambrato, e sulla parte frontale l’etichetta, in perfetto accordo con lo stile Chanel.

Il tappo della bottiglia può ricordare infatti il taglio di un diamante, ma in realtà la stilista si è ispirata a Place Vendome di Parigi, a cui Coco ha voluto dare il suo omaggio, ma sempre con l’eleganza della semplicità che firma ogni sua creazione

Chanel N°5 nelle celebri litografie di Andy Warhol (immagine presa da Pinterest)

Insomma il flacone è unico e inconfondibile proprio come il profumo che contiene.

Inoltre Marilyn Monroe rivelò in un’intervista che andava a dormire solamente avvolta da due gocce di Chanel N°5.

Poi anche Andy Warhol durante gli anni ’80 decise di immortalare la boccetta del profumo in una delle sue celebri litografie, rendendolo così un oggetto di culto.

Molte celebrità hanno dato il loro volto per la campagna del profumo, come ad esempio Nicole Kidman, Giselle Bundchen, Lily-Rose Deep e l’ultima musa in carica Marion Cotillard.

Questo profumo è un insieme di sensualità, originalità, eleganza ma soprattutto di classe, come del resto era la stessa Coco Chanel.

L’ultimo volto di Chanel N°5 che balla sulla luna: Marion Cotillard (immagine presa da Sfilate)
Articolo precedenteNba, il Covid potrebbe aver la meglio sull’All-Star Game 2021
Articolo successivoQuanto può essere fragile la nostra vita?
Anastasia Menegazzi
Ho quasi 15 anni e frequento il secondo anno del liceo classico “Alle Stimate”. Ho scelto il Classico come indirizzo perché sono sempre stata affascinata dalle materie umanistiche e sono interessata al loro studio perché credo che possa aprire diverse porte per il futuro. Sono una ragazza solare, socievole e determinata, infatti se mi metto una cosa in testa cerco in tutti i modi di ottenerla. Mi piace fare sport, per 12 anni ho fatto danza e adesso pratico tennis due volte alla settimana, e questa attività mi ha fatto essere molto competitiva più di quanto non lo fossi già, infatti cerco sempre di ottenere il miglior risultato impegnandomi al massimo. Nel mio tempo libero mi piace ascoltare la musica, mi rilassa molto, ascolto tutti i tipi di musica, non ne ho uno preferito. Amo stare in compagnia degli amici, con la mia famiglia o guardare serie tv o film. Finito il liceo vorrei continuare gli studi all'università di medicina e esaudire i miei sogni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here